la famosa vittoria della Georgia; Sud Africa, Scozia prevalgono

Il sostituto flyhalf Luka Matkava, 21 anni e alla sua seconda partita in nazionale, è diventato subito un eroe nazionale quando ha segnato un rigore al 77′ minuto per suggellare la vittoria per 13-12 della Georgia sul Galles sabato nel momento più importante nella storia del rugby.

Il rugby gallese sta affrontando un periodo di introspezione dopo la storica sconfitta per 13-12 contro la Georgia.
immagine: Agenzia Ben Evans/Hu Evans

Dopo aver battuto l’Italia all’inizio dell’anno nella loro prima vittoria contro un paese di livello 1, è stato un risultato straordinario per la Georgia, che affronterà nuovamente il Galles ai Mondiali del prossimo anno.

“La nostra seconda vittoria quest’anno contro una nazione di alto livello – abbiamo dimostrato che molte persone si sbagliavano”, ha detto il capitano della squadra Merab Charikadze, che ha anche espresso frustrazione per la mancanza di possibilità della sua squadra.

“Vogliamo continuare così: oggi abbiamo fatto la storia. Non siamo la squadra che la gente pensa che siamo. Abbiamo battuto squadre di livello mondiale e la squadra mondiale di rugby deve prestare maggiore attenzione a noi e molte persone dovrebbero pensare qualcosa deve cambiare”.

Il Galles era in vantaggio per 12-3 all’intervallo grazie a due mete di Jack Morgan a metà del tempo, ma la trasformazione è stata l’ultimo punto che ha ottenuto.

Difendendo brillantemente, la Georgia è cresciuta in fiducia e forza mentre la grande panchina ha aggiunto vera forza e, dopo una meta di Alexander Tudou, ha vinto con un calcio di prova di Matkava.

Ha scatenato scene selvagge di festeggiamenti tra i georgiani. “Siamo orgogliosi. Sono orgoglioso della squadra e di tutto il popolo georgiano nel rugby”, ha dichiarato il mediano di mischia Vasil Lobzhanidze, migliore in campo.

“Tutti pensavamo di poter vincere, dal primo all’ultimo minuto. Abbiamo fatto la storia. Siamo molto orgogliosi di noi stessi”.

Il Galles ha avuto la meglio nei primi scambi, ma ha faticato a gestire il possesso palla in situazioni pericolose. Alla fine, Morgan ha pareggiato un blindside da una linea laterale con un netto passo laterale per il primo tentativo dopo 21 minuti.

READ  Difendendo la Women's Cup, Racing Law si sforza di ripetere

Tre minuti dopo ha avuto un secondo e anche se la folla si è calmata di nuovo, si è rivelato essere il punto più alto della loro giornata.

L’ala Josh Adams, tornato in campo dopo essersi rotto la mano, pensava di avere un terzo gol dopo aver inseguito il suo calcio da metà campo, ma è stato giudicato per un passaggio in avanti, portando il Galles sul 12-3 all’intervallo.

Il terzo quarto ha seguito uno schema simile al primo in quanto il Galles ha avuto molto possesso ma sembrava disorganizzato e raramente è arrivato al 22 ‘di fronte a una difesa impegnata della Georgia.

Hanno poi perso l’ala Alex Cuthbert per un sin box dopo una pericolosa sfida aerea e la Georgia ne ha approfittato appieno, aumentando la pressione prima che Tedo Abzandadze calciasse un acro di spazio per raccogliere Todo e segnare un’ora dopo.

Abzhandadze ha aggiunto la trasformazione al rigore precedente per riportarlo sul 12-10, ma poi ha sbagliato un altro rigore mentre i georgiani hanno goduto di lunghi periodi di dominio.

Il Galles alla fine si è rialzato ma la terza meta di Morgan è stata annullata per botta e sono stati gli ospiti a recuperare ancora una volta per guadagnare un rigore molto importante.

“Speravamo di aumentare il ritmo della partita, ma tutto il merito va alla Georgia, che ha fatto bene nel girone e ha vinto”, ha detto il capitano del Galles Justin Tiboric.

“È un duro colpo, non possiamo nasconderlo, soprattutto con la Georgia che raggiunge la fase finale della Coppa del Mondo, ma dobbiamo solo riprenderci contro l’Australia la prossima settimana”.

Il Sudafrica colpisce l’Italia

Il Sudafrica si è imbattuto nel caldo del secondo tempo, subendo nove mete nel 63-21 contro l’Italia nel test di sabato allo Stade Luigi Ferraris.

Gli Springboks hanno segnato sette mete dopo l’intervallo, sfiancando i padroni di casa con un inarrestabile gioco in avanti e conquistando la loro prima vittoria nel loro tour autunnale, dopo aver perso di misura in Irlanda e Francia nelle ultime settimane.

READ  Newsbook GT Open - Altri ospiti GT3 per la fine della stagione di Barcellona

Kurt Lee Arendese ha segnato due mete e ce n’era una per ciascuno per Bongi Mbonambi, Cheslin Kolbe, Kwagga Smith, Malcolm Marx, Steven Kitshoff, Damian Willemse e Cobus Reinach con Kolbe che aggiungeva due rigori e trasformava e sostituiva Manie Libbok che calciava oltre cinque trasformazioni.

Ange Capuzzo e Lorenzo Canoni hanno segnato le due mete dell’Italia, con Tommaso Allan che ha subito tre rigori e trasformato.

I padroni di casa sono tornati a terra dopo la loro clamorosa vittoria contro l’Australia la scorsa settimana, ma sono stati in svantaggio di soli cinque punti all’intervallo mentre hanno affrontato i turisti a metà tempo, sostenuti da una folla chiassosa.

Il Sudafrica era passato in vantaggio all’inizio quando l’esterno Arendse era andato nei primi cinque minuti, ma Capuozzo ha cementato la sua crescente reputazione con un tentativo sfortunato mentre l’Italia ha preso il comando e ha mantenuto il vantaggio fino alla mezz’ora quando Mbonambi ha inseguito il suo tipico Springbok colpire. Il campione del mondo aveva cinque punti nel primo tempo.

Alan ha pareggiato il vantaggio di due punti all’inizio del secondo periodo con un calcio di rigore, ma Colby ha afferrato il calcio d’inizio del secondo tempo ed è corso a segnare, ribaltando le sorti della partita.

Tentativi poi presto seguiti da Arendsi, Smith e Marks mentre i Bucks si portavano in vantaggio per 42-16 prima di perdere l’attaccante italiano Canoni che dimezzava lo svantaggio all’ora.

Ma c’è ancora tempo per Ketschov, Willems e Rench per segnare, l’ultimo gol messo a segno da Arendse che avrebbe potuto mettere a segno anche lui una tripletta.

BATTE L’ARGENTINA SCOZIA

Darcy Graham ha segnato una tripletta di mete, ma è stato lo scozzese Finn Russell a capovolgere lo spettacolo e ha fornito un promemoria della sua abilità vincente quando hanno battuto l’Argentina di 14 uomini 52-29 in un test burrascoso a Murrayfield sabato.

Russell è stato inizialmente escluso dalla squadra per la caduta dall’allenatore Gregor Townsend, con la sua carriera nei test terminata, ma è improvvisamente tornato in una crisi di infortuni ed è prontamente tornato alla formazione titolare contro la Nuova Zelanda la scorsa settimana e ancora. per la partita contro l’Argentina.

READ  Cristiano Ronaldo apre il calcio in Italia. Juventus

La sua traiettoria e il passaggio intelligente hanno dato il via alla meta di Sione Tuipulotu all’11’, una seconda di Dohan van der Merwe dopo 13 minuti e una di Graham subito dopo che Russell si era imposto in partita.

È continuato nel secondo tempo quando la Scozia è stata eliminata dall’Argentina con otto mete, Graham ha segnato altri due gol, Tuipoloto ha segnato il secondo e Cameron Redpath e Stuart Hogg hanno aggiunto i loro nomi alla lista dei marcatori.

Anche lo stivale di Russell è stato preciso con sei conversioni.

Ma la causa della vittoria della Scozia è stata notevolmente aiutata dall’espulsione al 22′ dell’argentino perdente Marcus Kremer, che ha lasciato la squadra ospite un uomo per quasi un’ora.

Hanno anche ricevuto tre cartellini gialli nel secondo tempo, due dei quali entro 30 secondi l’uno dall’altro, poiché sia ​​Matias Alemanno che Tomas Lavanini sono stati mandati in box, portandoli a 12 uomini.

Successivamente, il capitano della Scozia Jimmy Ritchie e il difensore dell’Argentina Thomas Gallo hanno ricevuto cartellini gialli per aver litigato mentre la rabbia aumentava.

Jerónimo de la Fuente ha segnato la prima meta dell’Argentina al 15′ e la seconda di Alemanno, poco dopo l’espulsione di Kremer. Prendendo un rigore e tre trasformazioni, Emiliano Poveli ha aggiunto un bel break mentre l’Argentina è scesa a 12 uomini nel secondo tempo.

L’Argentina, che ha battuto l’Inghilterra nel primo dei tre test a novembre ma ha perso contro il Galles la scorsa settimana, ha ricevuto una meta di consolazione da Ignacio Ruiz mentre l’Argentina è andata in vantaggio per sette minuti dopo la sparatoria finale.

– Reuters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.