Home / Territorio / Isernia tra le 44 città candidate a Capitale della Cultura 2021

Isernia tra le 44 città candidate a Capitale della Cultura 2021

ll Ministero dei Beni Culturali ha reso noto la rosa delle città che si sono candidate per diventare Capitale Italiana della Cultura 2021. Ricordiamo che per il Molise la candidatura è stata presentata dalla città di Isernia. Sono 44, provenienti da 17 Regioni. Isernia meriterebbe un riconoscimento di tale levatura perchè dal punto di vista storico e culturale ha punti per avere la meglio sulle antagoniste. Qualcuno ha anche sorriso all’atto della presentazione della candidatura da parte del comune. Poi, man mano, ritirato perché la città ha una sua storia degna di nota. Tra le città che hanno presentato la candidatura, la più grande è Genova, la più piccola è Arpino, in provincia di Frosinone. Entro il 2 marzo, le città candidate dovranno presentare i loro dossier, che saranno esaminati da una giuria di sette esperti: il 30 aprile verranno selezionate le dieci finaliste, e il nome della città vincitrice sarà stabilito dopo le audizioni che si terranno entro il 10 giugno, giorno durante il quale il Ministero Beni culturali annuncerà il nome della Capitale Italiana della Cultura 2021. Alla vincitrice andrà un milione di euro per la realizzazione del programma. Una bella sfida quella volutamente lanciata dal comune di Isernia.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Candellori con una doppietta trascina la squadra rossoblù alla goleada, vanno in gol anche Bontà …

2 commenti

  1. A parte Genova che potrebbe avere una chance in più se i problemi della viabilità fossero risolti,Anche per dare una mano alla ripartenza, ma Isernia potrebbe veramente aspirare al riconoscimento se il dossier fosse fatto bene ,ma anche in questo caso ci sono professionalità in grado di valorizzare a dovere sia la città che i dintorni. Il “piccolo Molise” potrebbe trovare una sua strada per dare di sé un’immagine più consona e sfŕuttare bene questo trampolino di lancio turistico .

  2. Gianluigi Galeone

    Posso essere d’accordo, ma le carte in regola dobbiamo averle prima, non dopo.
    Percorsi culturali congiunti allo stato attuale? Non pervenuti. Strade? Non pervenute. Valorizzazione di Altilia in quanto luogo simbolo del Molise? Non pervenuta. Giro dei castelli? Non pervenuto. Parco culturale in onore del grande Francesco Iovine? Non pervenuto.
    Milano e Cortina hanno dovuto dimostrare di avere le carte in regola per candidarsi alle olimpiadi invernali.
    Le case si costruiscono dalle fondamenta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *