Home / Politica / “Interreg Ipa Cbc Italia-Albania-Montenegro”. Programmi transfrontalieri: chi ci capisce è bravo!

“Interreg Ipa Cbc Italia-Albania-Montenegro”. Programmi transfrontalieri: chi ci capisce è bravo!

I Programmi europei di Cooperazione transfrontaliera sono la quintessenza della incomprensibilità tanto sono complessi, articolati, arzigogolati e, per giunta, intestati in lingua inglese. Sono una sorta di Pozzo di San Patrizio, ovvero senza fondo, da cui gli Stati che vi partecipano attingono risorse, spendono, spandono, studiano, analizzano, tengono incontri e convegni a go-go e però dei risultati è difficile venire a capo. Sfidiamo infatti qualcuno che indichi ai molisani cosa hanno dato, generato e prodotto di concreto, di tangibile, di dimostrabile i programmi transfrontalieri finora esperiti da quando sono stati introdotti per migliorare – dicono – le condizioni degli Stati, la loro interagibilità e, negli Stati, le Regioni. Noi azzardiamo un giudizio che facciamo discendere dagli anni in cui, seguendo le attività frontaliere e le partecipazioni della Regione Molise a essi, non siamo mai venuti a conoscenza di qualcosa diversa dalla montagna di affermazioni, di dichiarazioni, dei milioni di euro stanzianti e mai rendicontati: una gigantesca impalcatura mediatica; una giostra di incontri bilaterali, trilaterali, simposi, viaggi. Per avere la misura di quanto appena sopra trascritto, invitiamo i lettori di questa testata giornalistica online di andare a compulsare la deliberazione numero 208 della giunta regionale del 10 giugno 2019 con all’oggetto il Programma di cooperazione transfrontaliera “Interreg Ipa Cbc Italia-Albania-Montenegro. Progetti tematici. Presa d’atto della partecipazione della Regione Molise.” Avvertiamo che avrà di fronte una deliberazione chilometrica, infarcita di termini in lingua inglese e di acronimi: un labirinto linguistico a stretto uso degli addetti ai lavori. Il cittadino comune, quello che vorrebbe sapere cosa fanno coloro che amministrano il bene pubblico, il pubblico denaro, l’interesse collettivo, cosa sono i programmi transfrontalieri, chi davvero se ne avvantaggia e come se ne avvantaggia, non ha alcuna possibilità capirlo. Pertanto, iI tentativo di conoscere il fine e il contenuto dei vari progetti che formano il programma sarà vano. Gli capiterà, leggendo il Programma di
cooperazione transfrontaliera “Interreg Ipa Cbc Italia-Albania-Montenegro” di cui la giunta regionale il 10 giugno ha preso atto dei Progetti di seguito riepilogati, e della partecipazione della Regione Molise in qualità di Leadmpartner al progetto tematico The flOod and Big firE foREst, prediction, forecAst anD emergency management in acronimo TO BE READY. Rebus da sciogliere che lasciamo all’intuito del lettore, non avendo noi alternativa da dargli. Dunque è assodato: la Regione Molise in qualità di Project partner prenderà parte ai progetti tematici Promoting eHealth in CB area by stimulating local economies, in acronimo PHASE; al FOOD4HEALTH Community Lab in acronimo FOOD4HEALTH; allo SMART ADRIA Blue Growth in acronimo SMART ADRIA Blue Growth; al Cross-Border Exchange For The Development Of Cultural And Creative Industries in acronimo 3C; al Next Generation Tourism Development in acronimo DUE MARI; al Water management in acronimo CROSS WATER; allo MTC Albania, Montenegro, Italy Multimodal Transport Connectivity in acronimo ALMONIT MTC in stretta collaborazione con gli altri partner del progetto, ossia Albania e Montenegro, Stati che aspirano ad entrare a far parte dell’UE. Partner che più che dare ambiscono avere. L’attuazione operativa dell’intero programma sarà attuata rispettivamente dal direttore del Quarto dipartimento; dal direttore generale per la Salute; dal direttore del Secondo dipartimento e dal direttore del Primo dipartimento. Il coordinamento, la governance generale e il monitoraggio dei singoli progetti saranno a cura del direttore del Servizio “Competitività dei sistemi produttivi, sviluppo delle attività industriali, commerciali e artigianali, cooperazione territoriale europea, politiche della concorrenza, internazionalizzazione delle imprese e marketing territoriale”. Si dirà: finalmente avranno qualcosa da fare. Ma cosa?
Dardo

Di admin

Potrebbe Interessarti

Spesa farmaceutica, al Molise 4 milioni di euro per ripianare il passato

Al Molise 4 milioni e 330 mila euro per ripianare la spesa farmaceutica. Finalmente arriva …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *