In questo giorno – 6 novembre 1996: l’ultima partita di Saki da allenatore dell’Italia

Il mandato di Arrigo Sacchi come allenatore dell’Italia è stato per me all’insegna dell’amore e dell’odio Nazionale. Dopo aver vinto tutto il possibile con il Milan, “Nabi Fusignano” si è occupato di Azzurro Per cinque anni, dal 1991 al 1996.

Ma sebbene il primo rossonero Ha portato l’italiano al secondo posto ai Mondiali del 1994 e le sue complesse scelte tattiche, il gameplay noioso e un atteggiamento che molti consideravano ripugnante gli hanno fatto guadagnare pochissimi sostenitori tra la base di fan italiani.

Il 6 novembre 1996 Saki ha diretto Azzurro per l’ultima volta. Non sapeva che un’amichevole a Sarajevo, devastata dalla battaglia contro la Bosnia Erzegovina, sarebbe stata la sua ultima apparizione come comandante in capo d’Italia.

Quel giorno una versione modificata dell’Italia venne sconfitta 1-2 dai bosniaci, che poterono così celebrare la loro prima storica vittoria in un match ufficialmente sanzionato dalla FIFA.

La Bosnia è avanzata presto con Hasan Salihamidzic, l’attuale direttore sportivo del Bayern Monaco. Enrico Chiesa, padre dell’odierno attaccante della Juventus Federico, ha sistemato le cose per il Azzurro. Ma, al 43′, Elvir Pulic ha segnato il secondo gol storico per la Bosnia.

Tuttavia, non è stato un brutto spettacolo a causare la morte di Saki. Il Azzurro L’allenatore se ne andò nazionale Da solo poche settimane dopo, quando ha risposto all’improvvisa richiesta del presidente Silvio Berlusconi di tornare al Milan per salvare la loro stagione disastrosa.

Le cose non andranno proprio come sperava e rossoneroMa questa è un’altra storia.

Seguici Google News Per ulteriori aggiornamenti su Serie A e calcio italiano

READ  Perché gli australiani non possono vivere come i francesi o gli italiani?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.