Home / Politica / Il trio Durante,Ruta, Nagni defenestra Lello Bucci dalla segreteria comunale del Pd

Il trio Durante,Ruta, Nagni defenestra Lello Bucci dalla segreteria comunale del Pd

La elezione a segretario cittadino del Partito democratico di Gianluca Palazzo che l’ha spuntata su quella di Lello Bucci che, pure avrebbe dovuto segnare l’unità interna del partito, facendo sintesi, ha finito con il riaprire vecchie ferite. Gianluca Palazzo, infatti, avrebbe avuto l’appoggio del trio che fa capo a Michele Durante, candidato alla segreteria regionale del Pd, di Roberto Ruta e Pierpaolo Nagni. A sostenere la candidatura del nuovo segretario, una lista di dieci persone tra le quali parenti e familiari di quanti lo hanno sostenuto. Da sorelle di assessori a mogli di consiglieri a cugini. Una brutta immagine per un partito che sta tentando, attraverso la fase congressuale, una possibile ripresa sul territorio. Anche perché, proprio Lello Bucci, consigliere comunale del Pd a Campobasso, aveva tutte le carte in regola per la segreteria avendo da sempre militato nel partito e nell’area di centrosinistra. Proprio in Consiglio comunale ha sempre difeso le ragioni dell’amministrazione Battista da attacchi interni ed esterni. E nonostante tutto non gli è stato mai riconosciuto, a livello di Giunta, un posto in assessorato. Lello Bucci Sembrava, pertanto, potere essere proprio l’uomo giusto per fare sintesi politica e unità all’interno del Pd. Ma l’asse che si è riformato tra Michele Durante, Roberto Ruta e Pierpaolo Nagni, con il voto del sindaco di Campobasso e di alcuni assessori, ha mandato tutto all’aria. Uno scontro politico inevitabile che si ripercuoterà sul confronto per l’elezione del segretario regionale

Di admin

Potrebbe Interessarti

Precariato prossimo venturo. Dopo i corsi professionali per pizzaioli, parrucchieri e baristi sono quelli per “operatori” e “customer care” dei Call center ad essere finanziati dalla Regione

La Formazione professionale era e rimane un punto fermo del mercato del lavoro che dopo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *