Home / Campobasso / Il passato torna a vivere all’ ex Gil con i Crociati e Trinitari. Finalmente verità sul modo di vestire nel 1500.

Il passato torna a vivere all’ ex Gil con i Crociati e Trinitari. Finalmente verità sul modo di vestire nel 1500.

Sfarzo ed eleganza, colori e tessuti pregiati: la moda del Rinascimento non conosce mezze
misure. Le donne della nobiltà dovevano stupire e colpire. “L’abbigliamento nobiliare all’epoca
dei Crociati e Trinitari. Ricostruzione sartoriale di abiti di fine ‘500” è stato al centro
dell’evento organizzato dall’Associazione pro Crociati e Trinitari per le Rievocazioni Storiche
Molisane, con la collaborazione del Musec – Museo dei Costumi del Molise ed il patrocinio del
Comune di Campobasso e dell’Iresmo – Istituto Regionale per gli Studi Storici del Molise “V.
Cuoco”, che si è tenuto nella serata di venerdì 12 aprile 2019 all’Auditorium “Arturo Giovannitti”
dell’ex Gil di Campobasso, gremita di personalità di spicco della cultura con rappresentanti delle
più importanti associazioni culturali locali e nazionali.

Due figuranti dell’Associazione pro Crociati e Trinitari hanno indossato i nuovi abiti nobiliari
cinquecenteschi caratterizzati da broccati e gioielli, merletti e stoffe ricamate. Tutto questo è stato
possibile grazie ad uno studio durato oltre un anno che ha permesso di riscoprire la moda in voga
nel 1500 nei territori del Regno di Napoli fortemente influenzati dalla corte spagnola. Lo studio,
unico nel suo genere per il suo approccio scientifico, è stato condotto dall’architetto, ricercatrice e
costumista storica rinascimentale Teresa Carafa. Già costumista per diverse serie televisive Rai e
Mediaset tra cui “I Medici” ed importante professionista italiana (prima allieva del famoso
costumista italiano Alessandro Lai – David di Donatello dal 2010 al 2018) Teresa Carafa ha
utilizzato fonti iconografiche risalenti all’anno della storica pace tra Crociati e Trinitari, il 1587.
L’architetto, durante il convegno, ha mostrato i dettagli della sua ricerca partendo dai quadri
raffiguranti Eleonora da Toledo, innovativa per l’epoca per l’abbigliamento, per le sue acconciature
appariscenti e per gli accessori originali che indossava ed ornavano i suoi abiti. Fondamentali, per
la ricerca, anche i resti di antichi abiti cinquecenteschi custoditi in vari musei attorno all’Italia.
L’architetto ha aggiunto di aver iniziato questo studio sul Molise e, in modo particolare, su
Campobasso, con grande entusiasmo rimanendo affascinata dalla storia rinascimentale della
regione, caratterizzata fortemente dalle storiche vicende dei Crociati e Trinitari di Campobasso.

La presidente dell’Iresmo Nella Rescigno ha invece illustrato il contesto storico rinascimentale
molisano con letture iconografiche delle fonti presenti sul territorio, tra le quali la tela di Gianmaria
Felice, datata 1592, che raffigura la pace tra i Crociati e Trinitari. Durante la spiegazione, si è
soffermata sui dettagli caratterizzanti il quadro dell’artista che rendono la raffigurazione una vera e
propria fotografia della città di Campobasso del 1500.

Nel corso della serata si è esibita Tosca Tavaniello, giovane e virtuosa arpista. Importanti anche
gl’interventi del Sindaco della Città di Campobasso Antonio Battista, fiero di tutte le iniziative
promosse dall’Associazione in questi 65 anni di attività che hanno rappresentato una grande
occasione per far conoscere la storia e la città di Campobasso al di fuori dei confini regionali inoltre
si è mostrato fiducioso per i successi futuri dell’Associazione; il direttore scientifico Musec Antonio
Scasserra che ha voluto rimarcare l’importanza della collaborazione tra il Musec e l’Associazione
pro Crociati e Trinitari poiché entrambi impegnati nella ricerca e nella valorizzazione storica e
culturale del Molise; ed il Presidente dell’Associazione pro Crociati e Trinitari Giuseppe Santoro.

“Sono orgoglioso – ha commentato Giuseppe Santoro – dei passi che sta compiendo la nostra
associazione, attiva ormai da 65 anni sul territorio, anniversario peraltro festeggiato proprio in
questi giorni. Questo ennesimo evento – ha aggiunto – rappresenta la voglia costante di cambiare
ed evolversi per riuscire a rappresentare appieno il nostro passato e la nostra storia, facendo il più
possibile verità rispetto a quanto sappiamo sulle nostre storiche radici. La pluridecennale attività
della nostra Associazione però, dimostra anche la grande forza e la passione impiegate da tutte le
persone che ci hanno preceduto dandoci l’opportunità di raccontare ancora l’incredibile storia dei
Crociati e dei Trinitari. Il nostro compito, oggi, è quello di continuare sulla stessa strada e crescere
sempre di più, grazie a tutte le persone che donano il loro prezioso contribuito affinché ogni idea si
trasformi da progetto in realtà. Un augurio a tutti ed a tutto il Molise per la ricerca delle sue nobili
ed importanti origini.”.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Il futuro di Campobasso è nella capacità di farsi valere. Gravina e la D’Alessandro saranno in grado di muovere le acque stagnati dell’economia cittadina e scuotere la Regione?

Campobasso, dopo essere stata resa un ammasso edilizio la cui gran parte è costituita da …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *