Home / Politica / Il No di Colagiovanni, un forte atto politico

Il No di Colagiovanni, un forte atto politico

Il no di Salvatore Colagiovanni in calce al documento di fedeltà al centrosinistra chiesto dal sindaco, Antonio Battista, ha un valore politico. Lo ha, perché il sindaco Battista non ha inteso, con l’azzeramento della Giunta, coinvolgere anche l’intera maggioranza. Ma solo l’aspetto dell’esecutivo. E’ stato lo stesso Colagiovanni a chiedere che sul documento ci fosse scritto proprio il nome di Battista quale candidato a sindaco della coalizione. Questa sì, per l’assessore, garanzia di quadratura della maggioranza. Per i suggeritori del documento, però, non dovrà essere Battista il candidato sindaco, involontario attore di una partita che si sta giocando su altri tavoli e in attesa dell’esito del confronto delle Primarie per la scelta del nuovo segretario regionale del Pd. Così, il no di Colagiovanni assume una forza politica di non poco conto rispetto ad una situazione che è apparsa, fin da subito, tragicomica. Va dato atto, dunque, all’assessore Colagiovanni di non avere firmato il documento. Perché, azzeramento tardivo rispetto ai problemi della città mai affrontati; perché è stato l’unico assessore ad avere assicurato azioni sul territorio; perché ha chiamato in causa l’intera, ma silente, maggioranza. Dunque, un passaggio politico forte fino alla rinuncia del posto al sole dell’assessorato.

Gil

Di admin

Potrebbe Interessarti

Precariato prossimo venturo. Dopo i corsi professionali per pizzaioli, parrucchieri e baristi sono quelli per “operatori” e “customer care” dei Call center ad essere finanziati dalla Regione

La Formazione professionale era e rimane un punto fermo del mercato del lavoro che dopo …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *