Il lato positivo della storia dell’immigrazione italiana

La Valle Camonica è un appezzamento di terra incontaminato nell’Italia settentrionale costellato di borghi medievali collinari, antichi templi romani e passeggiate rocciose ricoperte di ornati cavernicoli.

È un luogo tranquillo amato da escursionisti e ciclisti che sono tentati dagli splendidi panorami e dall’aria fresca delle Alpi innevate e dalla sua atmosfera multiculturale.

  • Gulcher al lavoro (Foto: Giardino Hotel)

Qui c’è un albergo molto strano che è diventato il simbolo del lato positivo dell’immigrazione in Italia.

Situato nella piccola località sciistica di Breno, l’Hotel Giardino è gestito da personale profughi nell’ambito di un programma che mira a integrare gli immigrati aiutandoli a trovare un lavoro, a stabilirsi e a rientrare nella comunità.

Preparano e servono la colazione, accolgono gli ospiti alla reception, cucinano nelle cucine, sistemano le camere, forniscono informazioni sulle attività turistiche, accompagnano le persone in visite guidate nei luoghi importanti vicini e aiutano persino a mantenere puliti i siti archeologici.

Afridi Gulcher, un pachistano di 28 anni, aveva appena 14 anni quando è fuggito dal suo villaggio natale al confine afghano dopo che un raid anti-talebano ha distrutto la sua casa e ucciso la sua famiglia, costringendolo a un viaggio di due anni.

“Ho camminato per mesi attraverso Iran, Turchia e Grecia, dove sono rimasto due anni lavorando come donna delle pulizie, e poi finalmente sono riuscito ad arrivare in Italia via mare. A quel tempo avevo sedici anni. Ho fatto altri lavori in Italia ma è cambiato questa vita Dalla mia vita: sono così grato che l’hotel mi abbia dato la possibilità di ricominciare da capo”, afferma Gulcher.

Indossando una maglietta verde brillante, fa molti lavori: “Il mio turno serale come concierge include il check-in dei nuovi ospiti in arrivo, la consegna delle chiavi della camera e le informazioni di base sui servizi dell’hotel e sulle attrazioni vicine. Aiuto anche a preparare la colazione”.

READ  Christian Vieri ha un aspetto molto diverso dall'Italia che gioca ai giorni in cui si fa beffe della pizza

“Lavorare qui mi ha permesso di conoscere nuove persone e lo adoro, anche se ho altri progetti per il mio futuro e sogno di arruolarmi nell’esercito italiano”, dice.

Gulcher ha lavorato in altri hotel in Italia prima di arrivare al Giardino Hotel nel 2016, dove ha condiviso incarichi con altri rifugiati dall’Africa.

Un mese fa ha ottenuto la cittadinanza italiana e ora vive in una piccola capanna sulle rive del fiume Prino con altri immigrati.

Parla correntemente l’italiano insieme al greco, all’olandese e all’inglese, il che lo aiuta a comunicare con i clienti stranieri. Gulcher lavora anche come mediatore culturale negli ospedali che aiutano gli immigrati.

L’Hotel Giardino si distingue come best practice tra i tanti progetti di accoglienza e integrazione per rifugiati in Italia con un totale di 37.000 migranti. Ma a differenza della maggior parte di quelli finanziati dallo stato, è interamente autofinanziato.

Il progetto alberghiero è curato dal gruppo no-profit K-Pax che si occupa anche della cosiddetta “piccola ospitalità diffusa” di 60 profughi che vivono in 30 accoglienti paesini sparsi in tutta la Valle Camonica.

Condividono le antiche dimore dei contadini, frequentano corsi di lingua italiana e si addestrano per diventare muratori, falegnami e contadini.

A seconda delle loro esperienze passate e di ciò che amano fare, ci sono anche corsi per taglialegna, chef, artigiani, saldatori, clienti di hotel e camerieri.

“Gruppi di rifugiati provenienti da diversi paesi condividono appartamenti precedentemente vuoti e stanno aiutando molto a far rivivere le piccole comunità montane i cui abitanti sono stati abbandonati”, afferma Carlo Cominelli, Presidente di K-Pax.

“Gli vengono insegnati tutti i tipi di lavoro per fornire loro le conoscenze e le competenze professionali necessarie per guadagnarsi da vivere. Al termine della formazione, di solito trovano opportunità in settori in cui c’è carenza di lavoratori italiani come l’edilizia, o la coltivazione del grano”, dice.

READ  Conor McGregor avrebbe attaccato un DJ in Italia e gli rompeva il naso

“Hanno buoni contratti con uno stipendio di 1.200 euro al mese. Il nostro personale alberghiero lavora con contratti regolari e finora abbiamo impiegato circa 20 rifugiati”, dice Cominelli.

Prove di speranza

Cominelli sostiene come il Giardino e l’intera vallata dimostrino che gli immigrati possono svolgere un ruolo di primo piano nella rigenerazione di regioni anomale diventando una risorsa.

In questa valle accogliente, dove il multiculturalismo è fondamentale, gli immigrati uniscono le forze con i locali coinvolti nella vita del villaggio.

Cucinano piatti speziati esotici in occasione di fiere gastronomiche e concerti e accompagnano i visitatori in visite guidate, anche in inglese, dei vigneti e dei boschi circostanti.

Quando è il carnevale di febbraio, si travestono e sfilano lungo i vicoli di ciottoli.

Un anno, un gruppo di rifugiati ha creato le proprie maschere per molestare il dramma oscuro e infernale che hanno vissuto.

Costruirono una scintillante barchetta di carta con la scritta Lampedusa sui lati per ricordare l’infido viaggio per mare che dovettero affrontare a terra nell’isola più meridionale d’Italia.

Lo stato finanzia il programma di “piccola ospitalità diffusa” e le autorità locali della valle sono direttamente coinvolte nell’accoglienza dei profughi.

“Con i soldi che riceviamo dal governo possiamo pagare gli affitti degli appartamenti ai profughi, le bollette e il cibo nei supermercati. Tutto questo fa rivivere l’economia e l’agricoltura a beneficio della comunità locale”, dice il sindaco Paulo Erba. Borgo di Malegno.

Mohamed, senegalese, ha partecipato ad un laboratorio di intaglio del legno nel villaggio di Cabo de Ponte, dove un falegname locale gli ha messo a disposizione il proprio laboratorio e gli ha insegnato a intagliare legno e tavoli.

READ  Gli involtini di aragosta, i calamari e altri piatti italiani su ruote sono previsti per venerdì

Nonostante soffra ancora degli incubi del terribile viaggio per mare dalla Libia alla Sicilia, gli occhi di Mohamed ora brillano di gioia: “Finalmente ho imparato un lavoro che amo e questo è il primo passo per l’integrazione. Voglio lavorare e vivere qui in Italia non voglio andare da nessun’altra parte”.

I mobili che Mehmet ha costruito erano per il Giardino Hotel dove tutto, compreso il cibo servito agli ospiti, è di provenienza locale. Anche il personale espatriato ha contribuito alla ristrutturazione dell’hotel.

Ci sono altri progetti di integrazione dei rifugiati di successo in tutta Italia. I consigli comunali di molte città hanno assunto richiedenti asilo per pulire parchi, strade e parchi.

Nel profondo sud della Basilicata e della Puglia, i profughi hanno riaperto negozi di ceramiche, bar e panetterie, come Aquaformosa, Badulato e Colonia.

Nel villaggio di Galatina, le nonne locali hanno insegnato ai profughi l’arte tradizionale dell’uncinetto e lavorano nei negozi che vendono cuscini, coperte e asciugamani fatti a mano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.