Home / Campobasso / Il crollo annunciato del nostro capoluogo! La burocrazia di Palazzo San Giorgio ci costringe a subire da anni questo stato di degrado

Il crollo annunciato del nostro capoluogo! La burocrazia di Palazzo San Giorgio ci costringe a subire da anni questo stato di degrado

Ora basta! Non è concepibile che la città capoluogo sia immobilizzata dai dirigenti del comune di
Campobasso.  Alla luce della tragedia sfiorata sabato scorso ,che solo per un caso fortuito non ha provocato vittime o feriti, per l’ennesima volta , sperando che sia l’ultima , chiediamo all’amministrazione di consentire la
realizzazione del “progetto Ariston” affinché non sia il prossimo a crollare. Quotidianamente noi residenti, commercianti, clienti e cittadini che percorriamo via cardarelli, via Isernia e via Larino rischiamo la nostra incolumità a causa dello stato di degrado dell’ex cinema teatro Ariston.
Sentita la proprietà ci chiediamo perché nonostante l’orientamento politico favorevole, nonostante le vittorie legali e l’assenza totale di vincoli sulla struttura , la dirigente del settore urbanistico non consenta la realizzazione di un progetto che oltre a mettere in sicurezza la zona rivaluterebbe anche l’aspetto  commerciale delle nostre attività agonizzanti.
Chiediamo quindi pubblicamente alla dirigente del settore urbanistico(architetto Iannelli) una soluzione definitiva ed immediata a questa annosa vicenda. Le soluzioni tampone adottate fino ad oggi non sono servite a nulla se non ad allungare la nostra sofferenza, non consentendo il passaggio libero nei pressi della struttura e privandoci di un riqualificazione urbanistica che possa rilanciare la vita economica del centro cittadino.Ci auguriamo che non si pensi solo ad altri interventi provvisori che possano bloccare in parte o totalmente la viabilità perché i danni economici arrecati alle nostre attività sarebbero davvero irreparabili !
Il lassismo e la mancata assunzione di responsabilità da parte della struttura tecnica di Palazzo San Giorgio rischiano di decretare la fine di una parte della città che un tempo era fiorente e che purtroppo oggi è totalmente abbandonata. Concludiamo chiedendoci se la dirigente si assumerà poi la responsabilità personale di eventuali tragedie che, dato l’inevitabile logorio del tempo che grava sulla struttura ed in attesa delle sue bibliche decisioni, non sono da escludere!

I commercianti e residenti di via Cardarelli, via Isernia e via Larino.

Di admin

Potrebbe Interessarti

“Non dimentichiamo i lavoratori Gam e di altre realtà”

«Davanti alla nuova crisi avvenuta alla GAM, ci sembra utile chiederci se siamo stati capaci …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *