Il Connacht ha battuto la vivace Benetton | Super sportivo

Il Connacht batte la Benetton © Getty Images

Il Connacht ha battuto comodamente una vivace squadra della Benetton 38-19 (17-7) al The Sportsground di sabato pomeriggio. Il Connacht, i campioni della United Rugby League (URC) con il punteggio più basso in questa stagione, ha mostrato uno stile offensivo raro mentre correva in cinque punti contro gli avversari italiani, guadagnando il secondo punto bonus della stagione nel processo.

La partita ha preso vita solo quattro minuti dopo con un tentativo di blocco di 40 metri di Niall Murray, che ha mostrato a Rhino Smith e Marcus Watson un paio di tacchi puliti dopo essere stati brillantemente inseriti in un enorme buco nella difesa della Benetton da Jack Carty. Murray ha finito come ala internazionale, mostrando esattamente perché c’è tanta eccitazione intorno al 23enne.

Il meglio del rugby della Benetton è arrivato dall’ex nazionale inglese Jacob Umaga, che ha esordito con la squadra italiana dopo la sua partenza il mese scorso, aiutando la sua squadra a mantenere il dominio territoriale nei minuti successivi alla prima meta.

La Benetton, però, è colpevole di aver giocato troppo e non è riuscita a convertire il proprio dominio territoriale in punti nel primo quarto fino a un momento fortunato in cui McHansen ha perso palla in contrasto. Watson – un’altra recente recluta dei Wasps – è scattato sulla fascia sinistra ei giocatori del Connacht esistenti non si sono adattati bene al ritmo dell’ex giocatore dell’Inghilterra Sevens.

L’unico vero dominio del Connacht è arrivato nel primo tempo su una tribuna ubriaca, quando Dennis Buckley ha vinto i suoi numerosi rigori contro l’inesperto Filippo Alunghi, facendo della Benetton un primo titolare. Da una formazione risultante, all’interno dell’area di 22 metri della Benetton, Bondi Ake ha riorganizzato tre difensori e alimentato Paul Boyle che ha segnato un’eccellente striscia per segnare la seconda meta del pomeriggio della sua squadra. Carty, tremante dal tee in questa stagione, non ha fatto niente di male per tutto il pomeriggio.

READ  Le terze divise del Barcellona e del Real Madrid evidenziano le recenti rivelazioni da tutta Europa - Notizie SportsLogos.Net

All’improvviso i giocatori e gli attaccanti del Connacht hanno avuto uno slancio in più nelle gambe ma hanno lasciato gli avversari fuori dai guai, sono stati inizialmente appesi sulla linea di meta e poi hanno concesso un rigore non necessario, perdendo due occasioni da rete prima dell’intervallo.

Il Connacht ha gestito lo stile all’inizio del secondo tempo, con lancette scintillanti che lo hanno portato a meno di cinque metri. Mentre finalmente proseguivano, Pelham si schiantò sotto i pilastri da un metro di distanza.

Un bel break di Eduardo Padovani ha regalato alla Benetton il primo momento brillante del tempo, portando due volte dietro il nazionale argentino Thomas Gallo, la prima volta dopo un bel tiro di Boyle. Alla fine però Marco Zanon raccoglie un pallone vagante e la sua meta Benetton lo riporta sotto i 10 punti, al quarto d’ora della ripresa.

Poco dopo, le possibilità di ritorno della Benetton hanno subito un duro colpo quando Scott Scrafton è stato espulso per un contrasto diretto con il tallonatore Dylan Ternay Martin. Da quel momento in poi, il Connacht ha preso il controllo del procedimento, quando Kaolin Blade è uscito dalla panchina per segnare la quarta e ultima meta della sua squadra. Ternay Martin ha incrociato per una quinta meta dopo aver raccolto un’altra bella corsa nel Connacht a pochi secondi dalla fine.

Tuttavia, lo spirito della Benetton non poteva essere messo in discussione, e hanno ottenuto la dovuta ricompensa da un duro innesto quando Tommaso Menoncello ha superato Ackie per colmare il divario e lasciare che la Benetton sognasse quello che avrebbe potuto essere.

READ  Verstappen incolpa le società di social media poiché lo stratega Schmitz ha ricevuto messaggi di odio RaceFans

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.