Il caso di Antonio Giovinazzi: le sue cinque migliori prestazioni in Formula 1

La partita di apertura della stagione 2017 è stata la sua prima apparizione come pilota di riserva per la Ferrari e Giovinazzi ha ricevuto una chiamata dalla Sauber sabato mattina. Pascal Wehrlein non si era ripreso del tutto dalla caduta della Race of Champions di qualche mese fa e l’italiano doveva intervenire.

Nonostante avesse solo le FP3 per imparare una nuova strada per lui, su una vettura che non aveva mai guidato prima, Giovinazzi ha affrontato l’attuale compagno di squadra Marcus Ericsson per qualificarsi per il Gran Premio d’Australia.

Ha iniziato al 16° posto, prima di dare una prestazione garantita in gara per finire 12° in gara. Per un principiante che è stato gettato nel profondo nell’ultima ora, questo è stato piuttosto impressionante.

GP d’Austria 2019

Giovinazzi torna a casa per la prima volta in assoluto in Austria

Giovinazzi si è assicurato un posto a tempo pieno all’Alfa Romeo per il 2019, ma l’italiano ha segnato i suoi primi punti solo in Austria.

Dopo aver inizialmente lottato con la C38, l’italiana è riuscita a metterla nel terzo quarto al Red Bull Circuit.

Il suo prossimo passo è stato fare lo stesso al Gran Premio. Giovinazzi in seguito ha ammesso che il ritmo di gara era stato un punto debole fino a questo punto della stagione e che aveva studiato i dati durante la stagione per vedere come poteva fare meglio, il che ha pagato tutti i dividendi in Stiria.

Nonostante la perdita di un posto al via, l’Alfa ha guidato duramente per conquistare il suo primo punto in Formula 1 al 10° posto, con il compagno di squadra Raikkonen nono per chiudere la squadra di due punti.

READ  I concorrenti canadesi e italiani si contendono l'oro nella prima giornata dell'IJF Antalya Grand Slam

GP d’Italia 2019

Pilota Alfa Romeo-Antonio-Govinazzi-V-2019-GP d'Italia

I punti salienti di Monza 19

Sauber

Non è stato molto meglio per l’italiano che segnare punti a Monza, e Giovinazzi è stato in grado di farlo più tardi durante la sua stagione d’esordio.

Dopo che Giovinazzi ha mancato di 0,002 secondi il suo compagno di squadra Raikkonen nel terzo quarto, ha immediatamente spostato la sua partenza dall’11° al 10° posto all’inizio del Gran Premio d’Italia, mentre altri hanno fallito per la pole position.

È diventato il nono posto quando Carlos Sainz della McLaren ha battuto la Red Bull Alex Albon nella prima Lismo, prima che Sebastian Vettel e Lance Stroll si unissero, portando Giovinazzi al settimo posto.

Le vetture più veloci lo hanno poi spinto giù dalla classifica per strategia, ma le mani sicure di Giovinazzi hanno portato la vettura a casa nona davanti al pubblico di casa.

GP del Brasile 2019

Antonio Giovinazzi alla guida del suo GP del Brasile 2019 per l'Alfa-Romeo

Raikkonen e Giovinazzi sono arrivati ​​rispettivamente quarto e quinto in Brasile ’19

Sauber

Sebbene Giovinazzi possa essersi qualificato solo al 13° posto per la penultima gara del 2019, l’italiano era a poco più di un decimo dall’ingresso nel terzo quarto ed è chiaro che il ritmo dell’Alfa Romeo era lì.

Dopo lo spegnimento delle luci domenica, Giovinazzi ha ottenuto un’ottima partenza fuori linea, salendo al 10° posto alla fine del primo giro.

Mentre Geo ha mantenuto la calma, l’altro è caduto nel dimenticatoio: Daniel Ricciardo si è scontrato con Kevin Magnussen, lasciando il motore Mercedes a Valtteri Bottas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.