Home / Politica / I vitalizi degli ex consiglieri regionali vanno abrogati e ricalcolati col metodo contributivo (Natale amaro degli ex lavoratori dello Zuccherificio)

I vitalizi degli ex consiglieri regionali vanno abrogati e ricalcolati col metodo contributivo (Natale amaro degli ex lavoratori dello Zuccherificio)

Ci hanno provato e ci riprovano a mettere mano ai vitalizi dei già consiglieri regionali. A volte la perseveranza premia. Sarà il caso del gruppo regionale dei 5 Stelle a Palazzo D’Aimmo? Ancora meglio se continuassero a intervenire sui benefit dei consiglieri in carica, quindi anche su se stessi.. Ciò che percepiscono (stando alle leggi in vigore) nella realtà molisana contraddistinta in questa transizione storica dalla permanenza della crisi economica e, in particolare, dalla permanenza in braghe di tela di centinaia di lavoratori espulsi dal mondo del lavoro e abbandonati dalle istituzioni e privi degli ammortizzatori sociali, equivale ad un insulto alla morale corrente. Tanto più che gli insultatori, di quegli ex lavoratori se ne fregano, né muovono ciglio anche dinanzi alle parole di dura condanna che gli ex dipendenti delle Zuccherificio di Guglionesi hanno vergato  in prossimità del Natale per dire del loro dramma, del loro dolore e della loro rabbia. Una lettera che andrebbe assunta da ogni famiglia molisana, senza distinzione di censo, di cultura e di colore politico e letta prima di pranzare a Natale per aggiungere una dose di umanità alla Festa che celebra la nascita il Salvatore del mondo. Questo giornale ha avuto il buonsenso pubblicarla quella lettera e tenerla in pagina a testimonianza di una diretta partecipazione e un diretto sostegno. Chiusa parentesi. La materia che i 5 Stelle vogliono trattare,  finora è stata una materia tabù. Ci hanno circumnavigato intorno  in tanti prima di loro senza alcun risultato concreto. Ci provano e, forse, saranno più fortunati. La notizia, infatti, sembra un dono di Natale. Ed è questa: il presidente del consiglio regionale Micone ha assegnato alla Prima commissione permanente la proposta di leggere formulata e sottoscritta dai consiglieri del gruppo dei 5 Stelle Greco, De Chirico, Manzo, Primiani, Fontana e Nola. La proposta mira a che sia assunta e varata una legge regionale che abroghi la legge regionale  in vigore, la numero 10 del 1988, quindi abroghi gli assegni vitalizi e li ricalcoli con il sistema contributivo. Non la cancellazione “sic  et simpliciter”, dunque, ma una revisione e un ricalcolo sulla base, e solo su quella, dei contributi versati. Niente di rivoluzionario e giustizialistico. Ma solo un gesto di buonsenso comune e mettersi in scia al sistema nazionale della riforma pensionistica.

Dardo

Di admin

Potrebbe Interessarti

DIGHE, ANTONIO FEDERICO (M5S): CON PIANO INVASI DAL GOVERNO OLTRE 7, 4 MILIONI DI EURO PER PROGETTI LISCIONE E SCAPOLI

“Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha firmato il Dpcm relativo al primo stralcio del …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *