Home / Politica / I sindacati: da marzo a ottobre chiude il tratto ferroviario Campobasso-Venafro. L’assessore Niro, lo sa?

I sindacati: da marzo a ottobre chiude il tratto ferroviario Campobasso-Venafro. L’assessore Niro, lo sa?

“Apprendiamo della possibilità di una chiusura completa della tratta ferroviaria Campobasso – Venafro nel periodo Marzo – Ottobre 2020”. Lo scrivono le organizzazioni sindacali di categoria. “Partendo dal presupposto che da comunicati ed interviste ufficiali rilasciate ai media dai responsabili di R.F.I. e dall’Assessore ai Trasporti si prevedeva la messa in funzione della c.d. ‘Metropolitana Leggera ’ Matrice-Bojano, le due cose ci sembrano non coerenti.
L’ipotesi di una chiusura completa di almeno 8 mesi appare preoccupante sia per gli effetti di ricaduta occupazione e di disaffezione dell’utenza sia perché la decisione appare estemporanea e non programmata.
Vorremmo pertanto capire:
– se la notizia è già ufficializzata;
– quali sono le lavorazioni che si vogliono mettere in opera e il cronoprogramma puntuale;
– se tali lavori sono già completamente finanziati (in modo da scongiurare sorprese dell’ultimo momento, a cui siamo purtroppo abituati)
– quali effetti si avrebbero sui lavoratori di tutte le imprese coinvolte (Trenitalia, RFI, Mercitalia Shunting, Rekeep Rail, appalti)
Ribadiamo di non essere contro l’ammodernamento della linea ma siamo senza dubbio preoccupati per gli illustri precedenti (sospensione dell’esercizio della linea Campobasso- Termoli, dopo lavori finanziati per circa 23 milioni di euro) e per la mancata informativa preliminare alle associazioni sindacali e alle associazioni dei consumatori e dei pendolari su questioni che sono di vitale importanza per il trasporto pubblico regionale.
Vogliamo che si figuri un futuro sui binari giusti.
Nel richiedere pertanto un tavolo d’incontro specifico da tenersi nel più breve tempo possibile, torniamo altresì a sollecitare l’Assessore regionale ai trasporti a rispondere alla richiesta d’incontro che le OO.SS. hanno inoltrato lo scorso 9 settembre sulle ulteriori problematiche che investono il trasporto ferroviario molisano”.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Iorio: 4 corsie, bocciata la proposta. La Giunta regionale dimentica il progetto dell’autostrada

Dopo la farsa del Trasporto Pubblico Locale che il Consiglio regionale è riuscito a bloccare …

Un Commento

  1. Non sono un tecnico, ma ,dal momento che di notte non mi risulta che viaggino molti treni , mi chiedo se i lavori di elettrificazione non potrebbero essere svolti in quelle ore senza far “.pagare ” come sempre ai pendolari ed ai viaggiatori in genere lo scotto degli ammodernamenti. Altrove si cerca in ogni modo di non penalizzare il traffico ferroviario e ciò è possibile dal momento che i treni sulla tratta interessata vanno anche a diesel . Il problema della sicurezza del lavoro sarebbe comunque rispettato e il turismo che si avvale del trasporto ferroviario non riceverebbe un colpo mortale dato anche lo stato delle strade che mostra più di un problema. Oltre tutto è palese a chiunque che un pullman non può ospitare tanti viaggiatori quanti un treno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *