I ricercatori osservano un dinosauro con la sua faccia straordinariamente conservata

Royal Tyrrell Museo di Paleontologia

Borealopilta Mitchley È tornato alla luce del sole nel 2017, milioni di anni dopo essersi estinto. Questo dinosauro corazzato è stato così meravigliosamente conservato che possiamo vedere come sarebbe stato nella vita. Quasi l’intero animale è sopravvissuto alla fossilizzazione: la pelle, il carapace che la ricopre, le protuberanze sul fianco, la maggior parte del corpo e dei piedi, persino il muso. È, secondo il dottor Donald Henderson, curatore dei dinosauri al Royal Tyrrell Museum, una scoperta su un miliardo.

Oltre alla conservazione di questo straordinario dinosauro, questo dinosauro è una chiave importante per comprendere gli aspetti dell’ecologia del primo periodo del Cretaceo e mostra come questa specie avrebbe potuto vivere nel suo ambiente. Dalla scoperta dei suoi resti, gli scienziati hanno studiato la sua anatomia, la sua armatura e persino ciò che ha mangiato nei suoi ultimi giorni, rivelando nuove e inaspettate intuizioni su un animale che si è estinto quasi 100 milioni di anni fa.

giù per il mare

Borealopilta È un nodosauro, un tipo di anchilosauro a quattro zampe con una coda dritta invece di una coda clava. La sua scoperta nel 2011 in un antico ambiente marino è stata una sorpresa, poiché l’animale era selvatico.

La presenza di giganteschi mangiatori marini sulla terraferma conservata sul fondo dell’antico mare non è così rara come si potrebbe pensare. un un certo numero di altri anchilosauri È stato conservato in questo modo, anche se non così Borealopilta. Gli scienziati sospettano che i suoi corpi possano essere stati trasportati da un fiume al mare durante un’alluvione; Potrebbe galleggiare in superficie sottosopra per alcuni giorni prima di sprofondare nelle profondità dell’oceano.

READ  Il consumo pesante di caffè è associato alla mortalità per malattie cardiovascolari negli individui ipertesi

Sarebbe stato tenuto in superficie da ciò che viene definito “rigonfiamento e galleggiabilità”, poiché l’accumulo post mortem di gas lo avrebbe tenuto a galla. La modellazione di Henderson suggerisce che il suo pesante carapace lo avrebbe ribaltato sul dorso, una posizione che sospetta potrebbe impedire ai predatori oceanici di saccheggiare le sue carcasse.

Una volta espulsi i gas che lo tenevano a galla, Borealopilta Affondò sul fondo dell’oceano, atterrando sulla schiena.

“Abbiamo potuto vedere che è entrato nell’acqua a una profondità di oltre 50 metri perché è stato preservato con un minerale specifico chiamato glauconite, che è un minerale di fosfato verde. Si forma solo a basse temperature in acque più profonde di 50 metri”, ha spiegato Dottor Henderson.

Ha anche detto ad Ars che questo ambiente potrebbe anche scoraggiare la raccolta dei rifiuti, dicendo: “Forse era un’area in cui [long-necked] Ai plisiosauri e ai pesci di grossa taglia non piaceva andare. Faceva molto freddo e molto buio, e [there was] Niente da mangiare. C’erano pochissimi fossili archeologici nei sedimenti intorno ad esso. Quindi non c’era molto in termini di vermi, crostacei e bivalvi e cose lì da digerire ulteriormente. È stata solo una buona combinazione di condizioni sul fondo del mare con un’attività biologica molto bassa che ha portato a questa conservazione”.

Aspettative disattese

Ma niente di tutto questo era noto quando l’animale è stato scoperto. Sebbene non sia insolito trovare resti di dinosauri in ambienti marini, non sono molto comuni. Henderson e Darren Tank, anche loro del Royal Tyrrell Museum, si sono recati sul sito aspettandosi che avrebbero dissotterrato un antico rettile marino.

READ  Uno studio rileva che gli eventi di estinzione di massa stanno marciando verso un `` tamburo di 27 milioni di anni ''

I due si erano consultati sui ritrovamenti fossili in altre miniere a cielo aperto all’interno della contea. Tuttavia, questa è stata la loro prima visita alla miniera di Suncor nel nord-est dell’Alberta, in Canada. Tutto in questa miniera è fenomenale. Enormi macchinari sono costantemente in movimento, raccogliendo rocce, sabbia e ghiaia dalle scogliere circostanti, mentre altre attrezzature le raschiano via, il tutto con l’obiettivo di scavare le profonde sabbie bituminose per il carburante.

“È incredibile, la scala del luogo”, ha detto il dottor Henderson. “E va avanti 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno.”

Nonostante il ritmo delle operazioni, uno degli operatori di dragaggio, Sean Funk, ha notato qualcosa dopo aver rimosso un’ampia sezione della scogliera. Grazie a lui ea molte persone all’interno della Suncor le operazioni in quella zona cessarono e la Royal Tyrrell fu informata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *