I residenti della Columbia Britannica sono stati coinvolti in disordini civili in Perù

Un uomo della Columbia Britannica condivide la sua esperienza di disordini politici e violenti disordini civili in Perù.

Colin Worobitz è della Delta in vacanza nel Paese sudamericano per far visita alla sua fidanzata che vi soggiorna da diversi mesi.

“Sapevamo che c’erano dei disordini politici in cui l’ex presidente è stato arrestato, e non c’erano molte persone felici”, ha detto a Global News di Zoom dalla città di Pisac.

“La cosa con i peruviani è quando non sono felici, sai che non sono felici.”

Leggi di più:

Presidente peruviano deposto dal Congresso, arrestato per ribellione in crisi politica

Le proteste, in alcuni punti violente, sono scoppiate in tutto il paese la scorsa settimana, dopo che il Congresso ha estromesso dall’incarico l’ex presidente Pedro Castillo. La mossa è arrivata dopo che Castillo ha cercato di sciogliere il Congresso prima di un voto di impeachment.

La storia continua sotto l’annuncio

Castillo rimane in custodia della polizia e deve affrontare l’accusa di ribellione, tra proteste e sostenitori che chiedono il suo rilascio, le dimissioni del suo successore, il presidente ad interim Dina Boulwart, e nuove elezioni immediate per tutti i membri del Congresso.

Almeno sei persone sono state confermate morte negli scontri.


Fai clic per riprodurre il video: due morti nelle proteste in Perù e il presidente Polorati chiede le elezioni del 2024

Due morti nelle proteste in Perù mentre il presidente Polwart chiede le elezioni nel 2024


Worowitz ha detto che la coppia ha fatto un viaggio nel fine settimana a Ollantaytambo, una comunità vicino alla base di Machu Picchu, ma il loro padrone di casa li ha avvertiti di non tornare a Pisac perché le proteste erano destinate a diffondersi nell’area.

La gente del posto ha detto loro che se fossero partiti di notte probabilmente avrebbero evitato i posti di blocco, ma quando hanno raggiunto la strada alle 21:00 la maggior parte delle strade era già impraticabile, disseminata di rocce, vetri rotti, alberi e cartelli, ha detto.

Leggi di più:

Una coppia della Columbia Britannica fa un ultimo disperato tentativo per riportare in Canada i figli della figlia scomparsa

La storia continua sotto l’annuncio

Tutto ciò che potevano trainare sulla strada per fermare il traffico veniva trasportato sulla strada. L’unico modo per attraversare era sicuramente una moto”, ha detto.

Ad un certo punto del viaggio, la coppia è stata fermata a un posto di blocco e gli è stato detto che non potevano passare.

“Così ci siamo tolti i caschi e ci siamo fermati intorno ai fuochi ardenti delle gomme, sono venuti con delle yucche, abbiamo parlato con loro per mezz’ora, abbiamo fatto pace, e il nostro adorabile amico che ha uno spagnolo migliore di me li ha convinti a lasciarsi andare.” Egli ha detto.

“Le persone qui non sono arrabbiate con noi. Come turisti qui, non siamo nel mirino”.


Clicca per riprodurre il video:

Bulwart in Perù ha prestato giuramento come prima donna presidente ad interim dopo il processo a Castillo


La coppia è riuscita a tornare al proprio appartamento entro mezzanotte, con il viaggio di 90 minuti che normalmente dura più di tre ore.

La storia continua sotto l’annuncio

Anche le interruzioni dei viaggi all’interno del paese hanno sollevato preoccupazioni sui viaggi da e verso il Perù.

“Colpisce alcuni voli e alcuni viaggi in treno, quindi è preoccupante”, ha detto a Global News Claire Newell di Travel Best Bests.

I funzionari canadesi in Perù sono stati invitati lunedì a registrarsi presso l’ambasciata canadese nel paese andino in modo da poter essere raggiunti se necessario. L’ambasciata ha anche esortato i canadesi nel paese a contattare se hanno bisogno di assistenza di emergenza Condividi la nostra newsletter sulla sicurezza Un monito di una situazione politica “particolarmente instabile”.

Il bollettino afferma che lo stato di emergenza è stato dichiarato nelle regioni di Apurimac, Arequipa e Ica, e potrebbe essere esteso altrove, raccomandando alle persone di stare alla larga dalle manifestazioni e di non tentare di attraversare i posti di blocco.

La storia continua sotto l’annuncio

Si consiglia inoltre ai canadesi di assicurarsi di avere un’assicurazione e di rimanere aggiornati su ciò che sta accadendo nella loro posizione.

“Anche se sei semplicemente seduto sulla spiaggia, devi sapere cosa sta succedendo intorno a te, perché come stiamo vedendo qui, le cose possono cambiare rapidamente”, ha aggiunto Newell.

Da parte sua, Worobitz ha in programma di rimanere nel Paese fino al 22 dicembre e ha detto che se le proteste ritardano la sua partenza, andrà avanti.

“Sto bene. Mia madre comprensibilmente non si sente bene”, ha detto.

“Ci sono posti peggiori in cui rimanere bloccati. Il cibo è ottimo, tutti sono amichevoli”.

— Con i file dell’Associated Press

e copia 2022 Global News, una divisione di Corus Entertainment Inc.

READ  Il giudice statunitense annulla il programma di condono del prestito studentesco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.