I produttori della Linguadoca sono furiosi per il divieto di Fermentino

I produttori di vino della Linguadoca sono indignati dalla decisione dell’Unione Europea di vietare loro di utilizzare il nome di uve Vermentino su etichette vecchio stile.

Il vitigno, che ha guadagnato popolarità negli ultimi anni, è un’uva bianca di origine mediterranea e numerosi sinonimi, anche se è meglio conosciuta con il nome di Fermentino.

Tuttavia, secondo Jacques Belhak, proprietario di Domaines d’Aster in Languedoc-Bezenas, all’inizio di quest’anno l’Unione Europea ha deciso di dare attuazione alla richiesta dei produttori di vino italiani di proteggere il nome Vermentino, vietandone l’uso sulle etichette dei vini. da fuori Italia.

Commentando che molti produttori in Linguadoca coltivano Vermentino e usano il nome sulle etichette, ha affermato che ciò potrebbe causare problemi alle aziende vinicole.

Il vermentino viene coltivato in tutta la Francia meridionale e talvolta viene utilizzato come ingrediente nel rosato provenzale, dove si chiama Rolle, ed è consentito nelle miscele purché fermentato con succo d’uva rossa.

Riconoscendo l’esistenza di un sinonimo francese per Vermentino, il figlio di Bilhac, Vincent, che lavora con il padre in azienda, ha detto di preferire usare il nome italiano.

“Vermentino è più bello da dire, ma Rolle non è una parola lirica”, ha commentato.

La decisione è contrastata dal produttore della Linguadoca Jean-Claude Mas, che ha espresso la sua rabbia durante la discussione della scorsa settimana con Commercio di bevande Nella decisione di vietargli di usare la parola Vermentino sul suo vino da uva.

Ha detto: “La Francia produce formati di Vermentino simili a quelli dell’Italia, e lo abbiamo sempre chiamato Vermentino – lo promuoviamo da anni e il consumatore sta iniziando a riconoscerlo”. dB Venerdì.

READ  2022.4.5.20 Note di rilascio ufficiali di Tesla

Ha continuato, quando gli è stato chiesto se avrebbe usato un sinonimo francese per varietà, ha detto: “Non ho mai chiamato vermentino roll e l’ho piantato e raccolto per molti anni”.

Ha anche espresso il suo sgomento per il fallimento dei rappresentanti della Francia nel tentativo di bloccare la mossa dell’UE per proteggere il nome di Vermentino, cosa che ha detto è stata fatta su richiesta dei produttori di vino italiani. In particolare, era preoccupato per il fatto che le autorità francesi del vino non si fossero adoperate di più per difendere l’uso del nome Vermentino, dato che la sua tutela riguarda un decreto del 2013, aggiornato nel 2019.

Di conseguenza, ha affermato di lavorare con il Consortium of Institutions of Viticoles Méditerranéennes (UEVM) per impugnare la decisione, spinta sulla base del fatto che il Vermentino fa parte delle attuali Indicazioni Geografiche (IG) in Italia, entrambe Sardo: Fermentino di Gallura e Fermentino di Sardegna.

A differenza di Jean-Claude Mas, l’altro grande produttore di vino della Linguadoca, Gérard Bertrand, sembrava aver ceduto alla decisione, quando gli era stato chiesto da dB Per la sua reazione alla necessità di cambiare il nome di Vermentino in Rolle sui suoi manifesti

“Uso il Vermentino in una miscela e se devo cambiare il nome, non è un grosso problema”, ha detto, aggiungendo: “Se i consumatori vogliono acquistare il marchio, acquistano se è per il nome Palace”. [not the grape variety]. “

Nel frattempo, Diamond ha descritto l’uva come “incredibile”. dB Che il Vermentino “può resistere a qualsiasi clima”, riferendosi in particolare al lungo periodo di caldo intenso e di siccità quest’anno nel sud della Francia.

READ  Wafer globali per aumentare la produzione di wafer
Jean-Claude Mas dovrà selezionare un sinonimo di Vermentino sulle etichette bianche della Linguadoca

Dovrà anche apportare la modifica alla varietà Vermentinos all’interno della sua collezione Pays d’Oc

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.