I clienti fedeli salutano definitivamente il negozio di noleggio DVD di Vancouver

Sono quasi le 20:00 della prima vera notte estiva dell’anno a Vancouver. Gruppi rumorosi di amici riempiono i cortili di Commercial Drive di pettegolezzi e risate furiose.

Chantelle Parsons preferisce stare al chiuso, da solo in un luogo confortevole.

Si sofferma tranquillamente in un angolo buio di un negozio di noleggio di DVD tra Commercial e Grant Street, osservando la sezione dei documentari. Uno per uno, fa alcuni colpi alla curva del gomito. Quando le sue braccia sono piene, striscia timidamente fuori.

“Un po’ di più”, disse, strisciando timidamente altri tre cognomi sul tavolo per aumentare la sua forza.

Chantelle Parsons carica alcune delle sue ultime scelte cinematografiche dal video di Black Dog di venerdì. Ha detto di aver visitato spesso il negozio durante la sua infanzia a East Vancouver. (Gian Paulo Mendoza/CBC)

Questo è stato il penultimo giorno nell’attività di Black Dog Video dopo oltre 25 anni. Sopraffatto da un costante calo dei clienti e da un forte aumento dei costi operativi negli ultimi dieci anni, il negozio ha chiuso definitivamente sabato, lasciando solo un negozio di noleggio DVD in città.

Mentre il negozio si preparava a chiudere, ha esaurito tutti i 16.000 film nel suo inventario: qualsiasi cosa che andava da nuove uscite, classici, drammi, commedie, animazioni, documentari, film per adulti e fantascienza. Il primo giorno della vendita, collezionisti di film e clienti abituali provenienti da tutta la Lower Mainland e dall’isola di Vancouver si sono allineati attorno all’edificio.

I film classici di registi come Billy Wilder sono andati principalmente, così come i film stranieri di film come il francese François Truffaut e il belga Agnes Varda. Edizione speciale, Edizione Blu-Ray del 1949 Il terzo uomo Si vende a $ 175.

Lo scorso venerdì sera, la maggior parte dei clienti abituali era tornata. Alcuni avevano liste dei desideri scritte a mano e scatole di cartone da compilare. Altri volevano solo essere lì.

“Sono un po’ triste… sono qui da così tanto tempo”, ha detto Rosemary Mah, che viene regolarmente al negozio dal suo appartamento a South Granville.

Gli scaffali quasi vuoti di Black Dog Video sono stati visti venerdì, il giorno prima che chiudessero definitivamente i battenti. (Gian Paulo Mendoza/CBC)

Questa sensazione è stata condivisa da Jeff Shantz, che ha viaggiato per un’ora fino al negozio in autobus e SkyTrain dal Surrey.

“Penso che mi mancherà un po’ di tutto”, ha detto Schantz, che studia criminologia al Politecnico di Kwantlin.

“Quando incontri persone interessate agli stessi film e hai la possibilità di parlarne… è diverso”, ha detto.

I clienti hanno convenuto che il negozio offriva un posto alla comunità che non esisteva attraverso la trasmissione. Puoi chiedere a qualcuno di guardare invece di scorrere la scheda Consigliati. Quando torni, puoi discutere di ciò che rende il film buono o cattivo con le persone a cui importa.

Il proprietario del negozio Darren Jay è in piedi dietro la cassa venerdì. (Gian Paulo Mendoza/CBC)

Il proprietario, Darren Jay, ha affermato che la scritta è stata sul muro sin dal lancio di giganti dello streaming come Netflix. Pensava che la pandemia potesse dare impulso agli affari, con i cinema chiusi, ma ha fatto il contrario: le persone sono rimaste a casa più che mai e non sono tornate una volta revocate le restrizioni.

“È solo il modo in cui viviamo nel mondo in questo momento”, ha detto Jay, sospirando profondamente alla menzione della trasmissione. “Ho fatto così tanti buoni amici con i clienti e il personale nel corso degli anni. Mi mancherà vederli tutti… ma è giunto il momento.”

Poco prima della fine di venerdì sera, Jay ha lasciato il suo collega per chiudere il negozio e sgattaiolare fuori dalla porta sul retro per “due minuti” a piedi verso casa. Scarica una copia di Donnie Darko per suo figlio e contaminazione radioattiva per se stesso, aggiungendo ai circa 100 indirizzi che aveva già preso per sé.

Jeff Shantz ha detto che una delle sue cose preferite dei video di Black Dog è la loro selezione di documentari spesso difficili da trovare. (Gian Paulo Mendoza/CBC)

“Quindici minuti per chiudere!” La scrittrice di video Josie Boyce ha annunciato da dietro la scrivania ai clienti lasciati nei corridoi.

“Sento 16?” Un uomo gridò con la voce illusoria del banditore, provocando risate da tutti dentro.

La Parsons si è fatta strada verso la porta d’ingresso con dozzine di DVD – per lo più documentari “imbarazzanti” – infilati in un sacco a sacco blu. La playlist del negozio cessò negli anni ’70, lasciando solo il ronzio del ventilatore a soffitto e lo scricchiolio delle assi del pavimento per attutire il rumore all’esterno.

Quando le è stato chiesto cosa le mancava del negozio in cui è cresciuta, le lacrime di Parsons sono scoppiate così all’improvviso che sembravano sorprenderla.

“Sono molto introverso… è stato solo il tuo ultimo contatto con persone che hanno una vera conversazione”, ha detto Parsons, un bibliotecario che ora vive a Coquitlam.

“È uno di quegli ultimi posti in cui puoi venire ed essere solo una persona.”

Fai un tour virtuale di Black Dog Video com’era nel 2019

READ  Film biblici che attraversano un secolo di cinema italiano - Phra Nui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.