Hertha è candidata ai test alpini nell’ultima evoluzione della serie Red Bull RaceFans

Annuncio | Diventa un sostenitore di RaceFans e Vai senza pubblicità

Colton Herta dovrebbe prendere parte al suo secondo test di Formula 1 entro la fine dell’anno mentre la Red Bull continua i suoi sforzi per inserire il pilota IndyCar nella sua squadra in erba nel 2023.

Tuttavia, il prossimo team di F1 di Herta non dovrebbe correre con Red Bull, AlphaTauri o McLaren, che lo hanno firmato come collaudatore a marzo e lo hanno corso all’Autodromo do Algarve in Portogallo a luglio per un test privato.

Herta è in fila per i test in Alpine, probabilmente prima della prossima gara di Singapore tra quindici giorni. Si pensa che Alpine sia interessata ai servizi di Pierre Gasly, che il capo di AlphaTauri Franz Tost ha indicato la scorsa settimana potrebbe essere sciolto dal suo contratto del 2023 per far posto all’Hertha.

“È una decisione della Red Bull su quale pilota portare nella squadra”, ha detto Tost. “Ma penso che se non fosse Colton Hertha, allora Pierre Gasly rimarrebbe e non cambierebbe nulla”.

Tuttavia, dipende da Herta, che attualmente non ha abbastanza punti di vantaggio FIA per correre in F1 nonostante le sue sette vittorie in gare IndyCar nelle ultime quattro stagioni, poiché gli è stato permesso di competere nella serie.

“È una decisione della FIA se prendere il comando o meno, e spero che la FIA prenda quella decisione il prima possibile, così sappiamo come costruire la squadra e dove andare per il prossimo anno”, ha detto Tost .

Molte squadre rivali sono ancora contrarie a qualsiasi tipo di violazione delle regole per consentire all’Hertha di correre in Formula 1. Il team principal della Ferrari, Mattia Binotto, ha affermato che minerebbe l’investimento che hanno fatto per mettere i loro giovani piloti nella serie che la FIA valuta più di IndyCar.

READ  Max Allegri lascia intendere che la Juventus non firmerà l'Arsenal e che il Liverpool prenderà di mira Manuel Locatelli quest'estate

“Stiamo investendo molto nella nostra Ferrari Driver Academy e continuiamo a farlo”, ha affermato. “Penso che la forza maggiore non possa essere usata con Hertha. Sarebbe un approccio completamente sbagliato.

“I regolamenti sono stati messi in atto per proteggere i nostri sport e assicurarci che stiamo facendo il processo e le scelte giuste per il nostro sport stesso. Quindi l’Hertha potrebbe prendere parte al torneo, [when] Ha i requisiti per farlo e non diversamente.

“Penso che questo sia molto importante e valuteremo sicuramente cosa farà la FIA al riguardo. E penso che ogni squadra lo farà perché è per l’importanza del nostro sport. Non possiamo avere forza maggiore o qualunque sia la situazione, che non è forza maggiore, certamente in questo caso”.

L’Herta è scesa al 10° posto nella IndyCar Series quest’anno, il suo piazzamento più basso da quando è entrata nel campionato a tempo pieno nel 2019. Ha raggiunto il 3° posto nel 2020.

Annuncio | Diventa un sostenitore di RaceFans e Vai senza pubblicità

Gran Premio d’Italia 2022

Sfoglia tutti gli articoli per il Gran Premio d’Italia 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.