Gran Premio d’Italia: dov’è la bandiera rossa? De Vries brilla ei piloti si contendono il secondo posto

Dopo ogni weekend di gara di questa stagione, gli editori di theScore serviranno il loro cibo da asporto. Continuiamo con il GP d’Italia.

È stato un pisolino

ANP / Getty Images Sport / Getty

Non c’è niente come finire una gara sotto una safety car.

C’era speranza che la griglia di partenza mista desse entusiasmo a Monza, ma alla fine non c’era molto da tifare.

Max Verstappen ha ottenuto la sua quinta vittoria consecutiva nonostante fosse partito al settimo posto. È salito sul podio alla fine del primo giro ed è decollato alla sua prima vittoria nel Gran Premio d’Italia. È stata una prestazione piuttosto dominante del futuro due volte campione del mondo.

Daniel Ricciardo ha quasi salvato le cose dal punto di vista dell’intrattenimento provocando una safety car al giro 47 quando la sua vettura si è ritirata in pista. Ma nonostante la necessità della McLaren di trainarla, la gara non ha alzato bandiera rossa e si è invece conclusa sotto la safety car.

“Il traguardo è stato deludente”, ha detto Charles Leclerc, secondo in classifica. “Spero di poter andare a correre, è un peccato”.

Il dibattito che ha seguito la gara è stato se ci dovesse essere una bandiera rossa. Al 50° giro, i portieri si sono resi conto che non potevano muovere la macchina e che avevano bisogno di una macchina per raccogliere le ciliegie. Il direttore di gara della FIA ha seguito la procedura, ma lo sport deve considerare di modificare la regola per evitare arrivi come la domenica.

Non c’è motivo per cui i conducenti dovrebbero seguire una safety car per cinque o più giri.

“Penso che la FIA abbia avuto tutto il tempo per agire in modo diverso oggi”, ha detto il team principal della Ferrari Mattia Binotto. “Aspettare così tanto è semplicemente sbagliato e non è una gran cosa per questo sport. Dopo Abu Dhabi l’anno scorso, abbiamo discusso a lungo su come migliorare perché l’obiettivo finale è provare a far ripartire la gara in modo sicuro, e oggi ho sicuramente Penso che sarebbe potuto succedere. La FIA è cambiata molto ma penso ancora che serva più esperienza”.

READ  Hertha è candidata ai test alpini nell'ultima evoluzione della serie Red Bull RaceFans

Ovviamente, questo porta flashback direttamente ad Abu Dhabi e Michael Massey, quando l’ex direttore di gara ha scelto di non finire la gara sotto una safety car. È difficile discutere contro un nuovo direttore di gara che va sul sicuro in Italia e sta seguendo il libro viste le recenti polemiche, ma non è stato molto divertente da guardare.

Un portavoce della FIA ha dichiarato: “Con la sicurezza del processo di recupero come la nostra unica priorità e l’incidente non è stato abbastanza significativo da richiedere una bandiera rossa, la gara si è conclusa con una safety car seguendo le procedure concordate tra la FIA e tutti i concorrenti .” “Il tempismo del periodo di safety car in gara non ha alcuna influenza su questa misura”.

Posizionare la bandiera rossa della gara è stato ingiusto nei confronti di Verstappen, che era davanti a Leclerc durante il suo dominio in gara, ma avrebbe portato a un finale più emozionante. La domanda è come rendere le corse entusiasmanti senza mettere a repentaglio l’integrità dello sport.

“Non vogliamo vincere una gara con una safety car, ed è qualcosa di cui parliamo da molti anni. Dobbiamo finire la gara. C’è stato abbastanza tempo per iniziare questa gara”, ha detto il Team Principal della Red Bull, Christian ha detto Horner. “Avevamo una macchina più veloce e vorremmo vincere la gara in pista e non dietro la safety car. Condividiamo la delusione con tutti i tifosi”.

Tuttavia, il risultato di domenica è stato almeno buono con la Mercedes la scorsa stagione.

“Il direttore di gara sarà sempre oggetto di critiche – ha detto il team principal Mercedes Toto Wolff – questa volta hanno seguito le regole. Avrebbero potuto farlo prima, ma almeno questa volta hanno rispettato le regole”. – Brandon Weil

Abbiamo ancora la corsa per il secondo posto

Dan Esteten – Formula 1 / Formula 1 / Getty

Verstappen ha aumentato il suo vantaggio nella classifica piloti a 116 punti su Leclerc e potrebbe finire il campionato non appena la prossima gara a Singapore.

READ  "L'Inter è in guerra, il tecnico Antonio Conte è come Al Pacino"

Ovviamente non c’è molto prestigio al secondo posto, ma dovrebbe essere emozionante vedere come quattro piloti siano stati in lizza per il secondo posto nelle ultime sei gare e come scuotere le cose dietro Verstappen sarà chiaramente importante per loro.

autista punti differenza miglior finale
Charles Leclerc 219 Quarto (2019)
Sergio Perez 210 -9 Quarto (2021)
Giorgio Russel 203 -16 quindicesimo (2021)
Carlos Sainz 187 -32 Quinto (2021)

Vediamo ancora il passaggio della torcia. Lewis Hamilton, Verstappen, Valtteri Bottas e Sebastian Vettel sono finiti primo o secondo nella classifica piloti nelle ultime cinque stagioni.

Vettel è destinato al ritiro, Bottas è stato declassato a un’auto molto peggiore e Hamilton sembra destinato a finire questa stagione al sesto posto, il peggior traguardo dei suoi 16 anni di carriera.

Hamilton ha annunciato all’inizio di questa settimana che non ha intenzione di ritirarsi presto e la Mercedes deve migliorare la prossima stagione, ma il movimento giovanile sembra essere in pieno vigore.

La speranza, tuttavia, è che non abbiamo iniziato un’era di dominio esteso da parte di Verstappen. – alla cautela

De Vries ha un sogno per la prima volta

ANP / Getty Images Sport / Getty

Sebbene il Gran Premio d’Italia 2022 sia stato un sonnellino, alla Williams c’è stata comunque molta festa.

La carriera di Nyck de Vries in F1 è iniziata come qualsiasi pilota può sperare, e se i team con un posto vacante per il prossimo anno hanno bisogno di un motivo in più per aggiungere il 27enne olandese, ce l’hanno.

Il campione di Formula E è arrivato nono al suo debutto, prendendo il 33% dei punti della Williams per la stagione 2022 in una sola gara e mettendo sei punti sul suo compagno di squadra Nicholas Latifi che è riuscito a superare solo Kevin Magnussen e i DNF. E ha fatto tutto questo mentre guidava in macchina solo per le prove finali. È un risultato straordinario.

READ  Una leggenda dello sport italiano combatte per la vita dopo un terribile incidente con una handbike

“Nessun allenamento, salta su un’auto che non stava guidando, entra direttamente nelle FP3. Mostra di cosa è capace”, ha detto Wolff.

Quindi, questo pone la domanda: quale squadra avrà la fortuna di aggiungere De Vries al roster la prossima stagione?

Oscar Piastre ha chiuso un posto vacante alla McLaren, quindi un potenziale punto di atterraggio è sparito. È stato un disastro imbarazzante per Albin non cedere il posto di Fernando Alonso a Pastre e lasciare che la McLaren gli desse la caccia, ma de Vries sembra più di un premio di consolazione.

Ci sono voci che il posto potrebbe finire in Pierre Gasly, però, se l’AlphaTauri porta Colton Herta che sta attualmente cercando di qualificarsi per la sua super licenza. Ciò lascerebbe Alfa Romeo (Zhou Guanyu è stato influenzato nella sua prima stagione di debutto e ha portato sponsor), Haas e Williams.

“È fuori dal mio controllo”, ha detto De Vries del suo futuro. “Ovviamente non ho il diritto di decidere quale formazione piloti, quindi non spetta a me”. “Sono così grato e felice di aver colto questa opportunità e di avermi permesso di vivere questo momento”.

Ha aggiunto: “La sfortuna di qualcun altro è diventata la mia fortuna, e per questo sono così grato che sia andata così bene. Ma in questo mondo, non tutto dipende dal merito e ci sono più fattori che entrano in gioco nel determinare la formazione. Io sono contento di aver mostrato un po’ di me alla fine di questa settimana”.

Scendendo in un fosso dopo un’apparizione impressionante, de Vries ha informato il suo equipaggio che le sue spalle erano “morte”. Non c’è da stupirsi, davvero, perché nessuno ha trasportato anche la squadra dalla partenza di Russell.

“Segnare punti al tuo debutto alla Williams è assolutamente incredibile”, ha detto Russell di De Vries. -Michael Bradburn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.