Home / Politica / Giuseppina Occhionero: “Un Governo giovane e a “trazione” meridionale. Con il Conte bis l’Italia può ricominciare a guardare con fiducia al futuro”.

Giuseppina Occhionero: “Un Governo giovane e a “trazione” meridionale. Con il Conte bis l’Italia può ricominciare a guardare con fiducia al futuro”.

Lo ha dichiarato la deputata di Liberi e Uguali, Giuseppina Occhionero, nel giorno del giuramento del presidente del Consiglio e dei ministri. “Ci prepariamo a votare la fiducia a un Governo – ha dichiarato la parlamentare – al quale anche LeU darà il proprio apporto. E a questo proposito – ha aggiunto l’onorevole Occhionero – voglio augurare un
particolare buon lavoro a Roberto Speranza, neo ministro della Salute, al quale mi lega un sincero e saldo rapporto di amicizia, oltre che di appartenenza politica. Sono certa – ha detto ancora la deputata – che anche
il Molise, che Roberto conosce benissimo, può guardare con un rinnovato ottimismo al futuro, soprattutto per quanto riguarda la sanità pubblica, per la quale c’è bisogno di una totale riconsiderazione. Un sincero augurio
anche a Francesco Boccia, neo ministro per gli Affari regionali, docente dell’Università del Molise. Con loro, con il premier Giuseppe Conte, che ha già dimostrato tutta la sua attenzione per la nostra regione, e con tutto il
Governo, ci prepariamo a vivere una nuova stagione che può e deve rappresentare la svolta per la nostra grande Italia”.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Lavoratori ex Ittierre, Toma: Siamo in grado di assicurare cinque mesi di mobilità

«Abbiamo una buona notizia per i lavoratori dell’Area di crisi complessa, quelli della ex Ittierre, …

4 commenti

  1. Meglio che taccia, onorevole! Per dignità. Ma già, dalle vostre parti non sapete neanche che cosa sia, la dignità.

  2. Non le parole ma i fatti saranno la prova , perciò staremo a vedere .

  3. Massimiliano Carli Bentivoglio

    Questi qua hanno visto un film alla radio…

  4. Maria Giulia Ubaldini

    Da meridionale, dico che è proprio la “trazione meridionale” che mi preoccupa. Signori, siamo onesti: quello che è purtroppo divenuto il Meridione è forse frutto di capacità gestionale, spirito di coesione, intraprendenza, volontà di lottare per un obiettivo comune, mancata propensione al piagnisteo? Riconoscere i nostri difetti non può che aiutarci a superarli: allora si che poi potremo insegnare qualcosa a qualcuno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *