Giovedì la consacrazione del Monumento ai Figli d’Italia

Questo Memoriale ai Figli d’Italia sarà dedicato giovedì vicino al Rumford Information Center in Bridge Street. Bruce Farren / Rumford Falls Times

RUMFORD – Per celebrare il contributo che il popolo italiano ha dato a questa regione, giovedì sarà dedicato un monumento ai Figli d’Italia.
Il membro del club Jim Rinaldo ha detto che l’evento si svolgerà alle 11:00 presso il sito, vicino al Muskie Memorial vicino al Rumford Information Center su Bridge Street. La comunità italiana dovrebbe essere orgogliosa. Questo monumento è un dono per loro”.
Il Son’s of Italy Club di Smith Crossing è stato costretto a chiudere nel 2022 dopo 107 anni, ed è stato l’ultimo Son’s of Italy nel Maine a chiudere definitivamente i battenti.
Rinaldo ha parlato dei contributi dei membri dei Figli d’Italia quando è stato relatore ospite al meeting della Romford Historical Society del 14 giugno.
Ha detto che un’immagine di 2 piedi per 4 dell’Italia e delle sue città dipinta da sua moglie era stata appesa al muro di Sons of Italy per alcuni anni, insieme ai nomi dei membri del club. Si è rivelato essere il fondamento del memoriale quando il rifiuto dell’adesione li ha costretti a chiudere.
Ha detto che hanno collaborato con il Dorland Memorial per creare questo memoriale per diversi mesi.
Una targa sul memoriale recita:
Il Club Figli d’Italia è stato organizzato a Romford nel 1915 ed è uno dei più antichi ordini di questo genere in America.
Il motto è libertà, uguaglianza e fratellanza. Sono stati all’altezza del loro motto non solo come organizzazione, ma anche come individui e sono diventati molto attivi a Rumford e nelle comunità circostanti.
Eccellono come dirigenti d’azienda, funzionari di uffici pubblici e volontari.
Questo è un memoriale per tutte le persone rappresentate da questi cognomi che hanno vissuto, lavorato, sono arrivati ​​e hanno suonato qui.
Spero che non vengano mai dimenticati per i sacrifici che hanno fatto per le loro famiglie e comunità.
Rinaldo ha parlato dei contributi di alcuni soci del club.
Ha detto che Peter Umbro Jr. era un sarto in Exchange Street. Ha lavorato per il padre di Edmund Musky e ha finito per rilevare il negozio. “È stato lui a creare la Hope School, che è iniziata davvero in Messico … quello che vediamo ora in Hancock Street è quello che è successo a causa di quello che ha fatto”.
Tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo, Rinaldo disse: “avevi i nomi di Chisholm e Pettingill e altri nomi a Rumford Point e Rumford Center che non conosco, che sono stati determinanti nell’avvio della città”.
Poi, negli anni ’50 circa, ha detto che è entrato un altro gruppo, la maggior parte dei quali da Buyia. “La TV via cavo è stata portata nel Maine da Carmelo Puella. Entrava nelle case delle persone e installava antenne per guardare la TV”.
Pouilla ha visitato i suoi parenti a New York e gli hanno spiegato che avevano dei telegrammi e gli hanno detto cosa doveva fare per fare lo stesso nel Maine. “È tornato ed è andato ad Augusta e ha effettivamente ottenuto un contratto per l’intero stato del Maine per trasmettere la TV via cavo”, ha detto Rinaldo.
Ma dopo che i funzionari hanno iniziato a esaminarlo, ha detto di aver capito che si trattava di un grande progetto individuale. Così sono andati da lui e gli hanno detto che poteva avere un quarto dello stato per fornirgli il cavo. Puella ha scelto la regione da Augusta a questa regione.
“The Blaine House è stato il primo posto con la TV via cavo nello stato, grazie a Carmelo Puella”, ha detto Rinaldo.
Mentre ha detto: “Pensiamo ai figli (Boeya) come molto intraprendenti, ma il loro padre, Carmelo Sr., aveva un negozio di scarpe in Messico, tra la posizione di Circle K ora e dove si trova CN Brown. Aveva una scarpa negozio, ma aveva anche una macchina. Fa le scarpe per te. Digli a cosa ti servono le scarpe e lui ti farà un paio di scarpe, proprio lì nel negozio”.
Rinaldo cita un’altra storia quando le acque della città erano a Rumford, ma non andò a Smith Crossing. Mi sono fermato in città. Carmelo e Nick (Boyea) sono andati nel bosco a Smith Crossing dove c’era un carro armato. “Hanno collegato il serbatoio e hanno portato l’acqua direttamente a Smith Crossing. Quindi tutta la gente di Smith Crossing aveva l’acqua corrente perché questi ragazzi hanno aperto la loro piccola area d’acqua, finché alla fine Rumford ha portato l’acqua lì, e non ne avevano bisogno più.”
Ha detto che gli è stato detto che a un certo punto Puiia Hardware and Lumber era la più grande azienda di ferramenta e legname sotto lo stesso tetto nel nord-est degli Stati Uniti. “Ho lavorato lì per 17 anni, negli anni ’60 e ’70, e l’istruzione che ho ricevuto lì è stata incredibile”.
Rinaldo ha detto che Nick ha cercato di afferrare “ogni angolo e fessura” come meglio poteva. C’era un negozio di ferramenta alla sua destra. L’ho comprato e l’ho fatto in contanti e azioni. Nel mezzo c’era l’HP Hood, lo comprò e lo trasformò in un negozio di articoli da regalo.
“La sua mente era sempre al lavoro. Bene, dobbiamo portare le persone al negozio di articoli da regalo. Stai guidando a Falls Hill e probabilmente non riesci nemmeno a vederlo, essendo nel mezzo. Quindi Paul ha comprato Bunyan e l’ha messo lì. Quando le persone l’hanno visto, si sono dovute fermare e raccogliere”. Immagini. “C’è un negozio di articoli da regalo”.
Rinaldo ha detto che l’edificio che ospitava gli italiani era una scuola. La ferrovia possedeva la proprietà ed era disposta a venderla per $ 1.000. Tony Buya l’ha comprato per il club e l’hanno pagato per il tempo.
Erano tutti i membri che avevano lavorato in quel posto per anni per ottenere quello che è diventato “perché non potevamo assumere nessuno”.
Ha detto: “Le persone che non possono lavorare lì compreranno pizza o birra per i ragazzi che ci lavorano. Si sono tutti divisi in un modo o nell’altro. C’era un grande amico lì. Ci sono stati grandi tornei di bocce. Il nuovo anno e Halloween le feste sono state fantastiche”.
“Avevamo benno al piano di sotto e le nostre feste erano al piano di sopra. Quando facevamo le feste, i membri portavano sedie e tavoli al piano di sopra e li mettevano tutti insieme. Poi il giorno dopo, li spostavamo al piano di sotto”, ha detto Rinaldo, aggiungendo che il bento procede I aiutato a gestire il club.

” ex

prossimo ”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.