Home / Territorio / Gam, il rischio è reale

Gam, il rischio è reale

Preoccupa e non poco la questione dei lavoratori della ex Gam di Boiano. Intanto, le Segreterie Nazionali di Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil, facendo seguito alla lettera di richiesta di una riunione urgente effettuata il 22 luglio congiuntamente con la Regione Molise, tornano a sollecitare il Ministero dello sviluppo economico per un incontro urgente relativamente alla vertenza Gam. “La convocazione si rende necessaria per fare il punto sia sull’attuazione dell’accordo di programma sottoscritto per il rilancio della filiera avicola molisana, in particolare per l’attività del macello, sia per tutelare i lavoratori interessati, considerando che il prossimo 4 novembre scadranno gli ammortizzatori sociali”. Si è, in pratica, sul precipizio. Il gruppo della società avicola vicentina ha ribadito proprio al tavolo del ministero di avere investito 9 milioni di euro per il primo lotto dell’ex Gam. Ma si sarebbe atteso l’intervento della regione per il secondo lotto così come era stato garantito dalla Regione Molise allora guidata dal presidente Paolo Frattura. Invero, il secondo lotto è andato all’asta per tre milioni di euro e la società ne ha letto una sorta di buggeratura che potrebbe portare la stessa ad abbandonare qualsiasi ulteriore intervento. Ci si verrebbe a trovare, così, dinanzi al baratro per i 286 dipendenti ex Gam. Una situazione trascinata avanti per troppo tempo e che rischia, ora, di andare all’aria con evidenti responsabilità politiche da parte del precedente governo regionale e del suo presidente, Paolo Frattura.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Campobasso, in viale Elena cade un leccio attaccato da un fungo alle radici

Sarebbe stato un fungo ad infettare e danneggiare le radici del leccio caduto questa mattina …

Un Commento

  1. Ma possibile che solo in questa cavola di regione un gruppo come Amadori abbia difficoltà? Ma li lasciamo lavorare, porca miseria??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *