Home / Politica / Gam, Amadori non si presenta

Gam, Amadori non si presenta

“L’incontro di oggi si è concluso con l’ennesimo nulla di fatto. Fuori dalla Regione i lavoratori che rischiano di essere vittime innanzitutto del tentativo che ora è quello di scaricare le responsabilità”. A scriverlo è la Flai Cgil in merito alla mancata presenza del gruppo Amadori al tavolo convocato a Campobasso. ” È già partita la gara al cosiddetto scaricabarile ma sfugge la comprensione di un elemento molto semplice: ai lavoratori della vertenza Gam non interessa chi è il colpevole, interessa invece sapere che ne sarà del loro destino lavorativo e di reddito. E, ad ogni modo, la mancata presenza di Amadori rischia di certificare la misura di quale e quanta autorevolezza gode la Giunta Regionale Molise con in primis il suo Presidente. Aldilà di tutto, c’è bisogno di attivarsi alacremente perché, di certo, perdere un Contratto di Sviluppo da più di 40 milioni di euro con protagonista Amadori non è una robetta da nulla. Ma, c’è da chiedersi, chi è la parte che ha maggiore interesse quando la posta in gioco è provare a dare una possibilità di futuro per il Molise: la Regione Molise o un imprenditore esterno? Ad ogni modo, per la Cgil e per la Flai questa partita non può finire scaricando il problema sui tavoli ministeriali perché non c’è tempo. Intanto la Cgil e la Flai soterranno ogni iniziativa a sostegno di tutti quei lavoratori che non vogliono restare nell’ombra e che, giustamente, chiedono risposte. Semmai, mentre ci si prepara al tavolo presso Mise non si resta inermi quindi: bene l’esito della riunione della Seconda Commissione del Consiglio Regionale che si è riunita proprio oggi; bene quindi che si chieda la convocazione di un Consiglio regionale monotematico straordinario e aperto dedicato al tema del Lavoro; bene che si pensi di dare elementi concreti di risposta a ogni singola vertenza e bene che su questi temi la Commissione stimoli e indirizzi atti adeguati. Intanto però la Cgil e la Flai ritengono che vadano chiamati a raccolta tutti i livelli istituzionali perché ognuno si assuma la responsabilità per ciò che attiene al proprio ruolo a partire dal Sindaco della Città di Campobasso e dai Sindaci del territorio accanto ai Parlamentari eletti in Molise. L’urgenza Lavoro c’è e a contesti di straordinaria difficoltà bisogna rispondere con atti altrettanto straordinari.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Polo museale, Molise aggregato all’Abruzzo. Silenzio per la biblioteca Albino

La riforma Bonisoli è ufficiale. E’ stata pubblicata in data 7 agosto in Gazzetta Ufficiale, …

Un Commento

  1. Gianpaolo Mazzuccato

    Hanno avuto ragione a non presentarsi. Dopo i pesci in faccia delle lungaggini burocratiche, delle proposte assurde del bando emanato dal tribunale, dei se e dei ma tipici del mondo molisano, questa gente si è stancata. L’imprenditoria si fa con tempi celeri e con la determinazione a far crescere un indotto, senza elucubrazioni, ostacoli ideologici, particolarismi, tergiversazioni. Non sono stati lasciati lavorare, ed ecco i risultati. Vergogna!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *