Forse la pionieristica sonda Marte ha appena inviato a casa un’ultima foto inquietante

È quasi ora Per dire addio a un altro amico marziano. Un sacco di missioni sul Pianeta Rosso sono rimaste in silenzio per l’ultima volta, alcune dopo molti anni di raccolta di dati di successo e altre dopo una breve caduta libera come una palla di fuoco. Presto aggiungeremo un altro esploratore di Marte a quell’elenco in continua crescita – intuizione Forse ha mandato a casa la sua ultima foto.

Il immagine Di per sé è simile a centinaia di altri che la sonda ha inviato sulla Terra negli ultimi quattro anni. Al centro dell’immagine c’è il sismometro del veicolo, che si è concentrato sulla raccolta di dati al riguardo Concentrati E i cui dati sono stati utilizzati in dozzine di articoli. Tuttavia, in questa immagine è notevolmente coperto da una sottile polvere rossa che copre tutto sul pianeta rosso.

Questa è la foto scattata il 6 novembre 2022:

Questa polvere copre anche l’alimentatore di InSight. I pannelli solari sono stati racchiusi in blocco e sono quindi in grado di fornire sempre meno energia al lander stesso. Purtroppo, InSight ha avuto anche fortuna o sfortuna in una zona di tranquillità generale per i demoni della polvere marziani. Sebbene possa essere difficile da maneggiare per gli strumenti stessi mentre sta accadendo, i diavoli della polvere fanno anche un ottimo lavoro nel pulire i pannelli solari ricoperti di polvere.

Un altro fattore di accumulo di polvere è la decisione progettuale presa dal team di InSight all’inizio del progetto. Vari metodi possono aiutare a rimuovere la polvere dai pannelli solari. Le spazzole dell’aria compressa e le spazzole dei tergicristalli simili a quelle che si trovano nelle automobili sono i tipi più comuni. Ma gli ingegneri di InSight hanno deciso di non includere alcun sistema del genere nella loro sonda.

In un’altra foto recente, InSight utilizza i suoi bracci robotici per rimuovere parte della regolite che lo circonda.Credito – NASA/JPL-Caltech

Prendere questo tipo di decisioni è una delle parti più difficili dell’ingegneria. I sistemi di rimozione della polvere aggiungono peso e quindi costano di più, sia nella progettazione che nel trasporto su Marte. I costi di lancio consumano ancora una parte significativa del budget del progetto, quindi ogni sistema viene controllato per vedere se è davvero necessario. Nel caso di Insight, il team ha stabilito che il sistema di rimozione della polvere non lo era.

READ  Abbiamo davvero trovato prove che la vita ci balena davanti agli occhi quando moriamo?

C’è stato un fattore critico che ha portato a questa decisione: la durata relativamente breve della missione Insight nel suo insieme. Doveva durare solo un anno sulla Terra. Finì con quattro.

Quali sono le prospettive per InSight

Video JPL che illustra i risultati di InSight. Credito – Canale YouTube della NASA JPL

Anche senza il sistema di rimozione della polvere, la missione ha superato di gran lunga le sue aspettative originali. Insight ha consolidato il suo posto come una delle sonde su Marte più prolifiche fino ad oggi. I suoi dati sono stati la base per dozzine di documenti, e siamo arrivati ​​a capire tutto, dalla presenza (o mancanza di) acqua liquida intorno alla sonda al ritrovamento del magma nella stessa area.

Dati come questi renderebbero orgoglioso qualsiasi team scientifico e i partecipanti a Insight hanno avuto tutto il tempo per vedere la fine arrivare. UT ha segnalato per la prima volta i suoi problemi di alimentazione a maggio. Ma mentre è andato forte negli ultimi sei mesi, potrebbe presto essere il momento di dire addio all’esplorazione interna con missioni sismiche, geodesiche e di trasporto termico. Non sarà dimenticato e potrebbe anche essere riportato in vita un giorno quando gli umani finalmente entreranno in paesaggi che nessuno ha ancora visto.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato universo oggi di Andy Thomaswick. Leggi il L’articolo originale è qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.