Home / Politica / Fanelli: Viabilità, le dimenticanze di Toma e Niro

Fanelli: Viabilità, le dimenticanze di Toma e Niro

“Ma davvero Toma, Niro e Jari Colla, senza costruire i necessari percorsi istituzionali, pensavano di poter ottenere qualcosa?”. Scrive così il consigliere Micaela Fanelli sulla questione dell’emendamento per la strada a 4 corsie.
A Roma, nel leggere delle lacrime del nostro Governatore e del nostro Assessore per il mancato inserimento nel decreto milleproroghe della quattro corsie della #TermoliSanVittore (prontamente scaricando le responsabilità su Pd e 5 Stelle), sono andata sia all’Anas che al Ministero delle Infrastrutture per capire se qualcuno aveva ufficialmente posto la questione ai soggetti competenti.
Ovviamente, nessuno sapeva niente dell’emendamento presentato e nessuno ha mai visto né Toma né Niro su questo punto specifico e per il provvedimento in questione. Ora si stracciano le vesti e accusano gli altri per la loro incapacità istituzionale. Sapevano quindi benissimo che l’emendamento sarebbe stato respinto. Oppure sono degli sprovveduti, cosa che non posso pensare.
Se davvero tenevano al potenziamento della strada di collegamento più importante per il Molise, perchè non hanno raccolto la nostra proposta di impegnare i solidi del #CIS, preferendo invece i tratturi alla superstrada?
Perché non hanno mai parlato, in maniera serie e strutturata, con Anas e Mit per l’inserimento nel contratto di programma, a partire dalla progettazione che è, come noto, il primo passo per l’inserimento nelle previsioni Anas?
E davvero pensano, insieme al reggente molisano della Lega Nord, che credo non avrà percorso più di un paio di volte le strade del Molise, di tirarsi fuori da quest’ennesima figuraccia dando la colpa al Governo?

Di admin

Potrebbe Interessarti

Per 7 chilometri non si chiude opera irrigua da 75 milioni di euro. Lo sa l’assessore Niro?

Nel 2014 il Consorzio di bonifica  Larinese appalta, per 75 milioni di euro, il progetto …

Un Commento

  1. Che gli investimenti infrastrutturali hanno loro percorsi specifici e soprattutto progetti di fattibilità credo lo sappiano tutti,allora invece di lamentarsi perché non ci si è mossi in tempi utili e modi adeguati? Se non si vuole perdere altro tempo bisognerebbe muoversi ORA per essere pronti almeno per la prossima legge di bilancio cioè quella del 2021…. Se poi si potesse trovare una scappatoia laterale prima, meglio ancora, ma sempre e comunque farsi trovare pronti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *