Famoso ritratto di Winston Churchill scomparso dall’hotel di Ottawa per sospetto furto d’arte

Uno dei ritratti più famosi di Winston Churchill è scomparso dalla sala di lettura di Château Laurier dopo essere stato apparentemente sostituito da una copia, ma è un mistero da quanto tempo esattamente sia scomparsa.

Un dipendente di un hotel del centro di Ottawa, a pochi passi dal Parlamento, ha scoperto venerdì sera che il quadro appeso al muro era una replica, non quello originale installato nel 1998.

In particolare, il dipendente ha notato che la sua cornice non era appesa in modo corretto e non corrispondeva alle altre cinque foto nella lounge, scattate anche dal fotografo Youssef Karsh.

Karsh, uno dei fotografi ritrattisti più famosi del 20° secolo, scattò la foto nel 1941 quando l’allora Primo Ministro britannico era a Ottawa per parlare al Parlamento durante la seconda guerra mondiale.

Jerry Felder, che è stato assunto dallo stesso Karsh nel 1979 e ora è il gestore della proprietà di Karch, ha ricevuto sabato una telefonata dal direttore generale di Château Laurier.

Come qualcosa uscito da un film

L’opera che doveva essere appesa lì era ricavata da un negativo e firmata da Karsh, ma quando Felder ha chiesto l’invio di una copia della firma, ha subito capito che si trattava di un falso.

“Non era la sua firma”, ha detto Felder.

L’hotel ha quindi contattato la polizia di Ottawa, che lunedì ha confermato alla CBC che stavano indagando sul possibile furto.

“Non potevo credere che qualcuno l’avrebbe fatto”, ha detto Felder a CBC Radio. Mattina di Ottawa Martedì. “Era lì da molto tempo ed era una parte così parte dell’hotel. Era così orribile e così triste.”

READ  Amelia Hamlin fa esplodere Scott Disick: Era tossico e mi ha riportato indietro!

Cosa sia successo all’immagine iconica originale non è chiaro. Felder ha detto che l’ultima volta che lo ha visto uscire in hotel è stato nel luglio 2019 e che “era una cosa reale”.

Felder ha detto che la rimozione e la sostituzione dell’originale “è stata chiaramente pensata e pianificata”.

“Mi piacerebbe [whoever took it] per restituirlo, ma non credo che accadrà”.

Michel Prevost, Presidente La Société d’histoire de l’Outaouais, Ha detto che non conosce il valore della foto, ma non sono state permesse stampe del lavoro di Karsh da quando i suoi negativi sono stati consegnati alla Library and Archives Canada negli anni ’90.

“È come un film”, ha detto Prevost della situazione. “Albergo famoso, hai la sicurezza. E una delle foto più preziose del tuo gruppo è stata rubata.”

La storia di Karch con Château Laurier

Karsh ha avuto un lungo contatto con l’hotel. Prevost ha detto che lui e la sua prima moglie hanno vissuto lì per 18 anni e il suo studio è rimasto lì fino al 1992.

L’hotel ha detto che aveva 15 opere originali del fotografo, sei delle quali, incluso un ritratto di Churchill, erano appese nel salone.

I restanti cinque sono stati ora rimossi dalla lounge in modo che possano essere protetti meglio, secondo una dichiarazione del Fairmont Hotel.

“Siamo profondamente rattristati da questo atto spudorato. L’hotel è molto orgoglioso di avere questa straordinaria Collezione Karsh, che è stata installata in sicurezza nel 1998”, afferma la dichiarazione.

Il fotografo ritrattista Youssef Karsh è visto nel suo studio di Ottawa con la sua esposizione della regina Elisabetta in questa immagine del 21 dicembre 1988. (Ron Pauling/La stampa canadese)

ruggito del leoneS futuro incerto

Karsh, originario dell’Armenia, ha fatto di Ottawa la sua casa dal 1924 fino agli anni ’90. Ha fotografato 14.312 persone nella sua carriera, secondo Felder, che ha detto che questa foto di Churchill lo ha spinto sulla scena internazionale.

Felder ha detto la foto, noto come ruggito del leoneha cambiato la vita di Karsh e ha un’eredità duratura: la foto rimane su una banconota da £ 5 della Banca d’Inghilterra.

Immagine di una nota incorniciata dove si trovava il ritratto di Winston Churchill.
Ora c’è una nota incorniciata dall’hotel dove si trovava il ritratto di Winston Churchill. (Claudine Richard/Radio Canada)

Parte del fascino potrebbe essere la storia dietro le riprese. Churchill non voleva che gli venisse scattata una foto, ma permise a Karsh di scattarne una. Per sfruttare al meglio lo scatto, Karsh estrasse un sigaro dalle labbra di Churchill e lo afferrò mentre deglutiva di conseguenza.

“poi [Churchill] Disse: “Puoi prenderne un altro”. E poi sorrideva e sembrava molto carino. ma ciò ruggito del leone “La foto che è diventata famosa in tutto il mondo”, ha detto Felder.

“È stato un periodo molto incerto in Canada, negli Stati Uniti e nel mondo, e penso che la foto mostri determinazione e forza. Penso che abbia dato alle persone un po’ di coraggio”.

Nel frattempo, Prevost si chiede come andrà a finire la storia.

Prevost ha ipotizzato: “Non so se Château Laurier riceverà una chiamata da $ 5 milioni per la foto. Potresti anche essere tu in un gruppo di fan di Sir Winston Churchill”.

“Come storico, posso parlare del passato. Non posso parlare del futuro.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.