Home / Termoli / Ex Zuccherificio, i lavoratori chiamano in soccorso il consiglio comunale di Termoli

Ex Zuccherificio, i lavoratori chiamano in soccorso il consiglio comunale di Termoli

E’ il consiglio comunale di Termoli a rilanciare la questione degli ex lavoratori dello Zuccherificio. Sessantanove, in totale, i lavoratori che hanno perso il posto di lavoro. Quattro-cinque sono riusciti a ricollocarsi anche se con lavori saltuari altri stanno lavorando. Una ventina quelli che non hanno alcuna collocazione. Sono tre anni che ha chiuso lo Zuccherificio e da allora non è successo nulla. Il 16 ottobre 2016, nel corso di un consiglio regionale monotematico, l’allora amministrazione Frattura aveva garantito la ricollocazione ma non è mai accaduto nulla. Ora, con l’assessore Mazzuto ci sono stati parecchi incontri per velocizzare il bando per i Comuni sui lavori di pubblica utilità. Ma anche questi tardano. Da qui, la riunione di un consiglio monotematico che h votato un ordine del giorno da trasmettere alla Regione Molise, alla delegazione parlamentare molisana e al Ministro del Lavoro. Un misto di rabbia e di disillusione nei confronti della politica che «ci ha abbandonati a noi stessi – hanno affermato gli ex lavoratori dello Zuccherificio – gli ammortizzatori sociali non sono quelli dati dalla Regione ma l’Anaspi perché abbiamo lavorato un paio di mesi per accedere ai vecchi che avevamo. I bandi per i comuni ancora non partono anche se la politica regionale dice che sono molto vicini a partire. Speriamo – hanno chiuso i lavoratori in Consiglio comunale — che non sia l’ennesima bufala anche perchè noi alla politica regionale chiediamo la rioccupazione visto che è stata lei a far chiudere l’azienda.”

Di admin

Potrebbe Interessarti

Edili domani in sit-in dinanzi la Giunta regionale

Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil del Molise saranno domani a Campobasso, dinanzi la sede …

Un Commento

  1. C’è solo da mettere la testa sotto la sabbia per questa triste vicenda. Siamo stati ignobili, tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *