Home / Lavoro / Edili domani in sit-in dinanzi la Giunta regionale

Edili domani in sit-in dinanzi la Giunta regionale

Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil del Molise saranno domani a Campobasso, dinanzi la sede della Giunta regionale in occasione della manifestazione “in Cento Città per riaprire i cantieri“, una iniziativa nazionale dei sindacati edili per ribadire la richiesta al Governo di intervenire con scelte chiare e misure concrete che riportino il settore al centro della politica, rilanciando così la competitività e la produttività di tutto il Paese. “C’è l’urgenza di attivare una vera politica industriale per i settori dell’edilizia e dei materiali da costruzione, indispensabile per dare risposte definitive alla crisi nel settore- hanno dichiarato i segretari regionali elle tre sigle sindacali – nel nostro territorio tutte le grandi opere sono ferme. Lo sviluppo del Paese passa dal rilancio delle infrastrutture e la riqualificazione e messa in sicurezza del territorio.” In questi anni il settore delle costruzioni ha perso oltre 800 mila posti di lavoro e migliaia di imprese edili hanno chiuso. Il Molise, purtroppo, ha contribuito a questo dramma con la perdita di oltre 5 mila posti di lavoro e un migliaio di imprese che non hanno retto alla crisi. Dopo 11 anni di grande difficoltà – hanno sostenuto i tre segretari regionali – diventa prioritario attivare tutti gli strumenti che possano far decollare la nostra Regione sia in termini paesaggistici turistici infrastrutturali e occupazionali, con una unione di forze che diano risposte concrete. E’ urgente che i progetti di opere pubbliche nella nostra Regione siano cantierizzabili nel più breve tempo possibile e non solo utilizzati per tutte le campagne elettorali

Di admin

Potrebbe Interessarti

La transumanza entra nel patrimonio dell’Umanità Unesco. Carmelina Colantuono: “E’ una soddisfazione immensa per la nostra famiglia Premiato il nostro impegno e quello di pastori, partner nazionali e stranieri”

“La soddisfazione è tanta, siamo tutti emozionati. Vediamo parte dei nostri sacrifici ripagati e, in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *