Ecco come la NASA rilascerà un campione da un asteroide

La navicella spaziale OSIRIS-REx della NASA campione Dall’asteroide Bennu nell’ottobre 2020 e nel maggio 2021 dalla navicella spaziale ritorno sulla terra per eliminare quel campione. questa settimana. Il veicolo spaziale ha eseguito una manovra di correzione della rotta per mantenerlo diretto verso la Terra, dove dovrebbe arrivare a settembre 2023.

La NASA ha anche condiviso maggiori dettagli su come la navicella spaziale consegnerà il campione di asteroide sulla Terra, poiché questo non è un processo semplice. OSIRIS-REx non è progettato per essere in grado di gestire l’immenso calore, attrito e altre forze necessarie per viaggiare attraverso l’atmosfera terrestre, quindi non ha modo di atterrare in superficie. Invece, lancerà nell’atmosfera una capsula riempita con il campione di asteroide e solo quella capsula raggiungerà la superficie.

Illustrazione di OSIRIS-REx che riporta sulla Terra il campione dell’asteroide Bennu. Goddard Space Flight Center/Conceptual Image Lab della NASA

Anche questa manovra sarà impegnativa, ha spiegato Mike Morrow, vicedirettore del progetto OSIRIS-REx presso il Goddard Space Flight Center della NASA, in dichiarazione. “Se la capsula si trova ad un angolo molto alto, passerà attraverso l’atmosfera”, ha detto Morrow. “Ad un angolo molto basso, brucerà nell’atmosfera terrestre”.

Questo è parte del motivo per cui il veicolo spaziale deve eseguire queste manovre di traiettoria, per assicurarsi che finisca esattamente nel posto giusto a settembre del prossimo anno in modo che possa scaricare la capsula con la giusta angolazione.

Daniel Webin, Head of Track and Maneuverability Design presso KinetX Inc. Nel prossimo anno, adegueremo gradualmente la traiettoria OSIRIS-REx per puntare al veicolo spaziale più vicino alla Terra. “Dobbiamo attraversare l’orbita terrestre prima che la Terra si trovi nella stessa posizione”.

READ  Notizie KBS

L’ultima manovra di traiettoria è stata la prima della navicella nella fase di ritorno del suo volo, con altre manovre previste per luglio del prossimo anno. Una volta che la capsula viene rilasciata nell’atmosfera, rallenterà con un paracadute mentre scende. Si spera che la capsula atterrerà in un luogo meticolosamente pianificato presso l’Air Force Test and Training Range dello Utah nel deserto del Great Salt Lake, da dove l’Air Force e l’esercito possono raccoglierla, quindi trasportarla in strutture per l’indagine scientifica.

Raccomandazioni degli editori




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.