Djokovic osserva gli ottavi di finale di Wimbledon mentre Isner stabilisce il record di frana

Novak Djokovic affronta il compagno serbo Miomir Kikmanovic per un posto negli ottavi di finale a Wimbledon venerdì mentre John Isner mira a diventare il re di questo sport.

Kikmanovic, 22 anni, ha perso i suoi due precedenti incontri contro un uomo che definisce il suo “ideale”.

Tuttavia, con il secondo classificato a Wimbledon nel 2002 David Nalbandian nel suo staff tecnico, si sta godendo una stagione eccezionale.

Kikmanovic ha vissuto la migliore gara della sua carriera fino agli ottavi di finale degli Australian Open e al terzo round al Roland Garros.

È anche entrato per la prima volta nella top 30.

Djokovic, che sta cercando di unirsi al sette volte campione Pete Sampras, sta entrando nel terzo turno dell’All England Club per la 16a volta.

La vittima del secondo turno Tanase Kokinakis ha preso solo sette partite dal 35enne.

L’esplicito riassunto australiano era “Sono tagliato fuori”.

– Asso re –

Isner può avere 37 anni, ma la sua potenza sull’erba è ancora intransigente.

Il gigante americano ha tirato finora 90 ace in due round, di cui 36 nella sconfitta al secondo round contro il due volte campione Andy Murray.

Isner, che ha raggiunto le semifinali nel 2018, ha 13.724 ace per finire quarto dietro il record di tutti i tempi di Ivo Karlovic.

Affronta la decima testa di serie italiana Yannick Sener per un posto nel quarto round.

“Non mi metteresti nella Hall of Fame o qualcosa del genere, perché non sono io”, ha detto Isner.

“Ma sarò sempre il leader. Continuerò a giocare, continuerò ad aumentare la mia collezione. Non so se si romperà. Potrei essere lì per molto tempo”.

READ  La Federazione Italiana Taekwondo organizza un corso per studenti della Città del Vaticano

All’altra estremità della scala d’età, l’adolescente spagnolo Carlos Alcaraz punta per la prima volta agli ottavi di finale quando affronta il tedesco Oscar Otti.

Alcaraz aveva bisogno di cinque set per battere Jan-Lennard Struve al primo round prima di spazzare via Talan Grexpur per raggiungere i sedicesimi di finale.

“Ho bisogno di più ore sul campo, sull’erba, per sentirmi più a mio agio”, ha detto il 19enne.

Deve essere il più fresco dei due.

Ha perso solo cinque partite in due round e il contendente al secondo round Christian Harrison lo ha aiutato a ritirarsi dopo soli 15 minuti.

In fondo al pareggio di Djokovic, sono sopravvissuti solo due teste di serie.

La britannica Cameron Norrie, la nona testa di serie, interpreta l’americano Steve Johnson, mentre la 30a testa di serie americana Tommy Paul interpreta Jerry Vesely della Repubblica Ceca.

Tre delle prime dieci donne – Annette Kontaveit, Danielle Collins e la campionessa degli US Open Emma Radocano – non sono riuscite a raggiungere i sedicesimi di finale con un pareggio a metà.

Ma due eroi del Grande Slam sono sopravvissuti.

La campionessa di Wimbledon 2018 e semifinalista Angelique Kerber incontrerà Elise Mertens mentre la vincitrice dell’Open di Francia 2017 Jelena Ostapenko incontrerà la rumena Irina Kamelia Bejo.

La terza testa di serie Anas Jabeur, che ha raggiunto i quarti di finale nel 2021, affronta la francese Diane Barry, 19 anni, che farà il suo debutto a Wimbledon.

La quinta testa di serie greca Maria Skari affronta la tedesca Tatiana Maria, una delle tre madri che hanno iniziato il torneo.

READ  L'ex allenatore Conor Auchi dice che l'Italia merita di essere nel Campionato Sei Nazioni

Scary cerca per la prima volta di raggiungere gli ottavi di finale.

DJ / JW

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.