Creed 3 è una ‘situazione sfortunata’ per Sylvester Stallone: ​​’So cosa avrebbe potuto essere’

Sylvester Stallone non si unirà a Creed 3 e aveva un’idea molto diversa sul sequel.

Durante un colloquio con Il giornalista di HollywoodLa star 76enne di Rocky ha chiarito che l’imminente Creed 3 è stato portato in una “direzione completamente diversa” da quella originariamente immaginata.

“Questa è una situazione sfortunata perché so cosa avrebbe potuto essere”, ha detto. “È stata presa in una direzione completamente diversa da quella che avrei preso io. È una filosofia diversa: la filosofia di Irwin Winkler e Michael B Jordan. Auguro loro ogni bene, ma sono più emotivo. Mi piace che i miei eroi vengano picchiati, ma non voglio che vadano in quello spazio oscuro. Sento solo che le persone hanno abbastanza oscurità”.

Creed 3 vede il ritorno di Michael Jordan nei panni di Adonis, il figlio della leggenda di Rocky, Apollo Creed. Tuttavia, questa volta, sembra che non affronterà nessuno del passato di Rocky o suo padre, e invece affronterà i propri demoni nella forma della sua ragazza, Dame Anderson (Jonathan Majors).

Il trailer finale del film ci dà un’idea di cosa aspettarci: quando un amico d’infanzia ed ex prodigio della boxe si presenta dopo aver scontato una lunga pena detentiva, è ansioso di dimostrare di meritare il suo colpo sul ring. Ma è più di un semplice combattimento. Per regolare i conti, Adonis deve mettere in gioco il suo futuro per combattere Damian, un combattente che non ha nulla da perdere.

Come se la caverà Stallone? Non ne abbiamo idea… ma sappiamo perché non tornerà.

Stallone è stato molto esplicito sulla perdita dei diritti su Rocky – ha persino invitato Dolph Lundgren ad accettare l’imminente spin-off di Rocky, Drago.

READ  Rihanna si reca per incontrare A$AP Rocky mentre la coppia affronta le voci sulla rottura

Sebbene da allora lui e Dolph abbiano sistemato le cose, è ancora infastidito da quello che è successo.

“Questo è un classico caso in cui vanno in giro e cercano costantemente di individuare aspetti di Rocky senza chiedermi se mi piacerebbe unirmi”, ha detto. “Non sono un produttore esecutivo dei film di Creed. [Director] Ryan Coogler lo è. [Star] Michele B. La Giordania lo è. [Winkler and Chartoff’s] I bambini lo sono. non mio. Sono l’unico rimasto”.

Stallone ha chiamato di recente il produttore Irwin Winkler, chiedendo il ripristino dei diritti… ma sembra che non stia andando da nessuna parte.

No. Ha detto. “Era un accordo fatto a mia insaputa da persone che pensavo fossero vicine a me e hanno rinunciato a tutti i miei diritti. All’epoca ero molto entusiasta degli affari e non capivo che si trattava di un business. Chi sapeva che Rocky sarebbe durato altri 45 anni? Non ne ho mai usato uno prima [line of dialogue] Di chiunque altro – ironia della sorte, non ne ho. Le persone che letteralmente non hanno fatto nulla, lo controllano”.

Resta da vedere se Stallone tornerà o meno nel franchise. Ma per ora, non aspettarti che appaia nel prossimo sequel di Creed… o nello spin-off di Rocky.

Vuoi saperne di più su Creed 3? Scopri perché Stallone non tornerà su Creed 3 e perché Stallone sta facendo una campagna per riavere i diritti su Rocky.

Ryan Liston è un giornalista di intrattenimento e critico cinematografico per IGN. puoi seguirlo Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.