Home / Politica / Comunità montane, prorogati i commissari

Comunità montane, prorogati i commissari

Per i commissari liquidatori delle Comunità Montane del Molise la pacchia continua. La giunta regionale li ha prorogati fino al 31 dicembre 2020 sempre che entro quel termine saranno in grado di predisporre la relazione conclusive, aggiornata e dettagliata, riferita alle singole Comunità montane che il consiglio regionale, sono ormai oltre otto anni, ha deliberato di sopprimere. «Con la Delibera del 13 dicembre, – scrive Andrea Greco – la Giunta regionale ha prorogato la vita delle Comunità montane quindi quasi sicuramente continueremo a pagare dei Commissari liquidatori, dei quali tre trombati elettorali nelle ultime regionali, con ulteriori oneri a carico dei cittadini molisani”. L’impegno della Giunta regionale era di portare a compimento una riforma con la proposta di quattro enti capaci di una nuova gestione del territorio ritenendo che il 70 per cento del territorio molisano classificato “montano” meritasse una specifica politica e strutture tecniche e amministrative in grado di realizzarla. L’economia dei paesi montani, la loro qualità della vita, i servizi di cui dispongono dovrebbero essere oggetto di una inchiesta seria e approfondita a dimostrazione che la cancellazione delle Comunità ha prodotto un arretramento e l’assenza di una politica montana è una voragine che dovrebbe essere giudiziosamente e tempestivamente colmata. Purtroppo, così, ancora non è e si lascia in prorogatio la gestione liquidatoria fino a dicembre 2020 con grandi apprensioni anche per il personale ancora occupato.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Iorio: 4 corsie, bocciata la proposta. La Giunta regionale dimentica il progetto dell’autostrada

Dopo la farsa del Trasporto Pubblico Locale che il Consiglio regionale è riuscito a bloccare …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *