Come l’Italia ha vinto il Mondiale 2006

La Coppa del Mondo del 2006 in Germania è una delle più incredibili Coppe del Mondo dell’era moderna ed è ricordata per molte ragioni.

Aveva un po’ di tutto: le vecchie stelle del calcio lasciano un’impronta, da Zinedine Zidane per me RonaldoQuando nuove persone iniziano a farsi un nome, pensa Cristiano RonaldoE il Lionel MessiLukas Podolsky e altro.

Poi i grandi gol, come insieme di ottimi tiri, hanno fatto un gol difficile nel torneo, così come gli homer che hanno messo su dei grandi campi. Soprattutto, gli italiani quell’anno trascorsero un’estate indimenticabile.

Superare lo scandalo Calciopoli

andando a Coppa del MondoC’era molto scetticismo sull’Italia. La struttura calcistica del Paese era in fermento, con lo scandalo Calciopoli – lo scandalo italiano delle partite truccate – che dominava i titoli dei giornali e sollevava interrogativi sull’integrità dello sport del Paese.

La Juventus è stata spogliata dei due precedenti scudetti vinti, con pesanti multe inflitte loro insieme ad altri, punti sottratti o retrocessione, lasciando molti giocatori in discussione sul proprio futuro e mettendo in dubbio le proprie speranze di Coppa del Mondo.

Al torneo il tema di Calciopoli ha travolto la squadra italiana, in particolare i giocatori della Juventus. Cinque giocatori bianconeri hanno partecipato al torneo in Germania, tra cui il capitano Fabio Cannavaro, il fuoriclasse Gianluigi Buffon, l’attaccante Alessandro Del Piero, il terzino destro Gianluca Zambrotta e l’esterno Mauro Camoranesi.

Ma mentre c’era polemica intorno a loro, insieme erano un’unità. banda di fratelli. Una squadra che aveva una cosa in testa: rigiocare il Mondiale per la quarta volta, ed è stata guidata da Marcello Lippi a segnare il gol.

Questa mentalità è difficile da capire. Il modo in cui hanno bloccato il rumore è stato incredibile. Nemmeno Cannavaro sapeva spiegarlo.

“Per capire davvero devi farne parte”, ha detto Cannavaro. Quattro per due. “Ci sono voluti due anni per costruire il gruppo 2006, abbastanza tempo per capire che quando uno di voi è in difficoltà puoi sempre avere il supporto dei tuoi compagni di squadra e quando hai bisogno di qualcuno, loro saranno sempre al tuo fianco. E potresti non credeteci, ma in quei 40 giorni [at the 2006 World Cup] Ci siamo divertiti molto anche noi”.

READ  Leicester City 4-2 Watford: Claudio Ranieri riceve un benvenuto da eroe al suo ritorno a King Power

Leggi di più: Mondiali 2022: date, orari, calcio d’inizio nel Regno Unito, stadi, gruppi, biglietti, quote e molto altro

Il cammino dell’Italia verso la finale dei Mondiali 2006

La calma regnava all’interno del campo e lo hanno mostrato nella fase a gironi. Con i tradizionali principi difensivi, gli italiani sono stati risoluti in difesa, subendo una sola volta nella fase a gironi perché non sconfitti. Hanno battuto il Ghana e la Repubblica Ceca 2-0, e anche un pareggio per 1-1 con gli Stati Uniti non ha influito sulle loro possibilità, poiché erano fiduciosi di entrare negli ottavi di finale della Coppa del Mondo.

Entrando in quella partita contro l’Australia a Kaiserslautern, l’Italia sentiva di avere una grande occasione, ma le notizie da casa erano preoccupanti. Gli italiani avevano battuto l’Australia agli ottavi con un controverso rigore al 95′ trasformato da Francesco Totti, ma mentre festeggiavano il raggiungimento dei quarti di finale, il neo-allenatore della Juventus ed ex stella Gianluca Pessotto è arrossito. Per il ruolo del suo club a Calciopoli si è lanciato dal terzo piano della sede del club.

Cannavaro, che ha parlato alla stampa dopo la vittoria quando ha appreso la notizia, ha lasciato bruscamente la conferenza stampa. Ben presto, la coppia bianconera Del Piero e Zambrotta è tornata a casa dall’ex compagno di squadra. In mezzo a tutto, gli italiani hanno mantenuto la concentrazione, con l’Ucraina che ha affrontato i quarti di finale, che, guidata dal genio Andrei Shevchenko, si stava godendo il suo più grande tour di Coppa del Mondo di sempre.

Grazie alla sua forma impressionante, l’Ucraina sentiva di poter compiere un altro miracolo, ma la linea difensiva italiana era indistruttibile, mentre gli attaccanti facevano il loro lavoro. La doppietta di Luca Toni e il gol di Zambrotta hanno assicurato la vittoria per 3-0 e, a fine partita, il terzino destro Cannavaro ha svelato uno striscione con su scritto “Pesutino siamo con te” – “Pesotino siamo con te”, in onore dell’amico.

AMBURGO, GERMANIA – 30 GIUGNO: Luca Toni n. 9 (a sinistra) in Italia festeggia con il compagno di squadra Fabio Cannavaro (a destra), dopo aver segnato il secondo gol della sua squadra durante la partita dei quarti di finale della Coppa del Mondo FIFA 2006 in Germania tra Italia e Ucraina sul campo. Amburgo il 30 giugno 2006 ad Amburgo, in Germania. (Foto di Ben Radford/Getty Images)

In semifinale, avrebbero dovuto combattere contro i padroni di casa della Germania. I tedeschi hanno dato il meglio di sé nel torneo che hanno giocato in casa. Era una squadra giovane, vivace, con un buon mix di giovani e meno giovani: Podolski, Philipp Lahm, Bastian Schweinsteiger, Miroslav Klose, Michael Ballack e altri. Negli ultimi anni, i tedeschi hanno lottato sulla scena internazionale, fallendo a Euro 2004 due anni fa dove hanno lottato per uscire dalla fase a gironi. Ma in Coppa del Mondo, sostenuti dai loro sostenitori sul suolo di casa, erano quelli dominanti.

READ  L'italiano Ganna mantiene il titolo a tempo di prova ai Road Worlds

Tuttavia, l’Italia aveva un vantaggio psicologico. Non hanno mai perso contro i tedeschi in un grande torneo internazionale. È stato un confronto teso, come previsto, e ci è voluto più tempo per risolverlo. Fabio Grosso, la scoperta dell’Italia quell’estate che ha giocato come terzino sinistro, ha segnato un gol superbo nei 30 minuti supplementari portando gli Azzurri in vantaggio. Pochi istanti dopo, Del Piero segna il gol con una mossa iniziata con l’intercetto di Cannavaro mentre i tedeschi cercavano il pareggio. L’Italia si è qualificata per la finale di Coppa del Mondo.

Del Piero festeggia il gol del Mondiale 2006 contro la Germania
Dortmund, Germania – 4 luglio: L’italiano Alessandro Del Piero ha celebrato il secondo gol della sua squadra nei tempi supplementari durante la semifinale della Coppa del Mondo FIFA 2006 in Germania tra Germania e Italia che si è tenuta allo stadio di Dortmund il 4 luglio 2006 a Dortmund, in Germania . (Foto di Alex Livesey/Getty Images)

Come l’Italia ha vinto la finale dei Mondiali 2006

E così sono andati alle Olimpiadi di Berlino, sede di molti importanti eventi sportivi in ​​passato e luogo in cui verranno determinati i diciottesimo campioni del mondo. La stessa Francia ha avuto un percorso difficile per raggiungere la finale. Sono arrivati ​​secondi nel loro girone dietro alla Svizzera, hanno eliminato Spagna, Brasile e Portogallo nella fase a eliminazione diretta ed erano sul punto di affrontare l’Italia, i loro vecchi rivali europei, per diventare campioni del mondo per la seconda volta in otto anni.

Erano supportati da Zidane, che avrebbe dovuto giocare la sua ultima partita in assoluto nel calcio, e nonostante un inizio lento della sua campagna, negli ottavi di finale, era al suo meglio. Le partite contro Spagna e Brasile sono state uno spettacolo di altissimo livello, e se la Francia ha voluto dare il meritato addio a una delle sue più grandi offerte di sempre, vincere il Mondiale era il modo giusto per farlo. Ad ostacolarli c’era un’Italia risoluta, che ha subito gol solo una volta durante il torneo.

A Berlino il gioco è decollato rapidamente. Zidane, con tutta la sua delicatezza, su rigore in anticipo. Panenka scatta dalla traversa, colpisce Buffon e saluta in segno di esultanza. Il vantaggio non durò a lungo. Appena 12 minuti dopo, Marco Materazzi ha segnato un calcio d’angolo – ha lavorato così tanto nel torneo per arrivare fin qui, ed è stato un onore meritato. Le cose sono state difficili dopo. Le occasioni erano scarse e il centrocampo era prudente.

READ  Raffaella Cara Documentario in lavorazione a Fremantle
Marco Materazzi ha segnato per l'Italia contro la Francia nel Mondiale 2006
BERLINO – 9 luglio: l’italiano Marco Materazzi ha segnato il primo gol per la sua squadra durante la finale della Coppa del Mondo FIFA 2006 in Germania tra Italia e Francia allo Stadio Olimpico il 9 luglio 2006 a Berlino, Germania. (Foto di Alex Livesey/Getty Images)

Proprio come le semifinali di Dortmund, anche questa è andata ai tempi supplementari e da lì è andata via. I due marcatori sono stati coinvolti negli eventi più famosi della storia dei Mondiali. Dopo un confronto tra Zidane e Materazzi, il francese ha fatto qualche passo davanti al difensore puntando la testa al petto. Nella sua ultima partita, Zidane è caduto in disgrazia. Poi sono arrivate le sanzioni.

Gli italiani erano perfetti, mentre i francesi non tanto. Andrea Pirlo, Materazzi, Daniel De Rossi, Del Piero e infine Grosso hanno segnato ai rigori, mentre decisivo si è rivelato lo spreco di David Trezeguet. Gli italiani hanno vinto il campionato del mondo per la quarta volta ed è stato in modo drammatico.

Con l’ombra del Calciopoli sopra di loro, sono stati ottimi e provocatori. Tredici giocatori della rosa erano nei club coinvolti o multati a causa dello scandalo, ma quell’estate non si sono presentati. Sono nate anche alcune stelle: Materazzi è stato un difensore testardo che ha iniziato a giocare solo dopo che Alessandro Nesta si è infortunato nella fase a gironi, Grosso si è dimostrato affidabile e Pirlo ha corso il campionato per tutta la vita mentre gli attaccanti, nonostante gareggiavano per i posti, lavoravano come unità per un obiettivo.

Anche Libby era resiliente. Tutti i giocatori della squadra erano esauriti, solo Cannavaro e Buffon sembravano insostituibili, non hanno perso nessuna partita e non sono stati in una posizione perdente per più di 12 minuti in finale.

Questa è stata una vittoria per secoli, in un torneo indimenticabile. L’Italia, nell’unico modo che conoscono, nonostante tutte le polemiche, è stata campione del mondo per la quarta volta.

I giocatori dell'Italia festeggiano la vittoria della Coppa del Mondo 2006
BERLINO – 9 luglio: I giocatori italiani festeggiano mentre l’italiano Fabio Cannavaro alza la Coppa del Mondo dopo aver vinto ai calci di rigore alla fine della finale della Coppa del Mondo FIFA 2006 in Germania tra Italia e Francia allo Stadio Olimpico il 9 luglio 2006 a Berlino, Germania. (Foto di Sean Pottrell/Getty Images)

Puzzle: Riuscirai a ottenere il massimo dei voti nel test finale della Coppa del Mondo?


Puoi trovare tutte le ultime novità calcio Notizie e indiscrezioni qui.


Notizie ora – Notizie sportive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.