Come è stato disegnato il costume di una creatura predatrice “preda”?

La squadra responsabile di dare vita al predatore nel popolare pre-gioco di Hulu.vittima“Unico per il progetto. Veterani pluripremiati di StudioADI Alec Gillis e Tom Woodruff Jr. hanno lavorato a diversi film di successo, incluso l’originale Predator, e sono co-creatori di Alien nel film del regista Dan Trachtenberg. “Prey” ha anche raggiunto il record di spettatori per la prima volta per il post di trasmissione, e dentro la tuta del Predator c’è un attore mostruoso Dane Delegro.

L’iterazione “Prey” dell’iconica creatura, un misto di costumi fisici e CGI, differisce dalle precedenti incarnazioni. “Alcune delle nostre prime conversazioni con Dan riguardavano il rendere questo predatore molto magro con una specie di strano mimetismo e diverso dai rettili che abbiamo visto prima”, ha spiegato Woodruff Jr., aggiungendo che diversi lignaggi suggerivano uno stadio di sviluppo del predatore.

Primo piano di una tuta da predatore
David Bokas

Ha continuato: “La testa di questa persona non era enorme, i dreadlocks sono diventati più sottili e stavamo cercando di simulare la sensazione dei guerrieri con i loro lunghi capelli”. “Quando abbiamo iniziato a lavorare sulle macchine Predator, abbiamo ottenuto alcuni progetti che sembravano fatti in casa. L’idea era che anche la Predator avesse armi primitive che si sono evolute”. Ha aggiunto che l’introduzione “non riguardava pistole contro pistole”, ma piuttosto “questa ragazza e questa creatura e come si adattano insieme”.

Gillis ha detto che hanno iniziato con circa 20 diversi concetti di Predator prima che Trachtenberg li riducesse a cinque. L’hanno affinato da lì con quella che hanno chiamato “risoluzione delle sfumature”.

Questo ha stabilito chiari punti di ancoraggio per la creazione del personaggio in circa sei settimane. A causa della pandemia, la maggior parte di questo processo è stato eseguito tramite Zoom, con occasionali combinazioni di persona. “Abbiamo appena indossato dei vestiti a mio figlio perché è così magro”, ha spiegato Woodruff Jr.. “C’erano tutte queste dettagliate cose in pelle Predator stampate su di esso, e proprio accanto c’era il danese che indossava i suoi pezzi tipici”. Fu allora che il duo e Trachtenberg si resero conto che il predatore riguardava tanto la mentalità e il movimento di Dane quanto il design.

Dane DiLiegro nei panni di Predator ottiene una svolta mentre indossa una tuta da Predator.
David Bokas

“Non limitarti a indossare la tuta e andare al lavoro”, ha spiegato Delegew. “Non funziona in questo modo con una personalità così creativa”.

Gillis ha rivelato di aver creato sei tute Predator e quattro mantelli, che hanno usato tutti saggiamente. “Li butti via mentre entri in produzione, non solo a causa della razza umana, ma perché alcune scene sono così fisiche. Iniziamo con un abito, lo indossiamo e poi passiamo a indossarlo. A malapena tagliare il traguardo con un abito pulito”.

Woodruff Jr. ha aggiunto: “Penso che ne abbiamo salvati uno o due quando avevamo bisogno di vedere questi dettagli da vicino. Avevamo preparato Dane per le riprese notturne e avevamo un paio di piedi Predator. Li stavamo guardando come, ‘Wow , questi non funzioneranno in pieno giorno, ma possiamo aggiungere un po’ di colore e sistemare le cose, e funzionerà bene di notte.”

Dane DiLiegro nel ruolo del predatore.
David Bokas

READ  Zero Italian Movie Streaming su Netflix, recensione, racconto, attori, trama

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.