Home / Territorio / Cia: Latte estero? Maggiori controlli urgono

Cia: Latte estero? Maggiori controlli urgono

L’inchiesta “Latte versato” firmata da Rosanna Aquino andata in onda sul noto programma televisivo Report di Rai3, ha riacceso i riflettori su pratiche che la Confederazione italiana agricoltori del Molise aveva già ampiamente segnalato da anni.
“Non voglio certo fare demagogia, ma come è possibile far finta di non sapere e stupirsi di fronte a pratiche ben note a tutti, di una ovvietà disarmante” commenta così il direttore della Cia Molise, Donato Campolieti, la puntata di Report dedicata anche ai caseifici molisani che utilizzano latte estero. “Basta fare due calcoli – spiega Campolieti. Dai dati ufficiali, 800 mila sono i quintali di latte che gli allevatori molisani producono all’anno. Poco meno dell’1% della produzione nazionale. 43 sono le aziende di trasformazione, i caseifici , che ogni anno trasmettono ad Agea e alla regione i dati di produzione della caseificazione. Dal calcolo si comprende bene che ogni singola azienda di trasformazione potrebbe arrivare a lavorare ogni giorno poco più di 50 quintali di latte molisano, e si comprende con molta facilità che da 50 quintali , i derivati sotto varie forme si riducono ad un 50% circa di quella che è la produzione di latte, ovvero producono 20 quintali di prodotti trasformati. Aziende che oggi utilizzano tutti il marchio 100%molisano e per le quali nessun controllo esterno ne ha certificato la veridicità. Se gli stessi caseifici sul mercato registrano vendite di gran lunga superiore ai 20 quintali, è facile dedurre che le aziende lavorano unitamente al latte molisano anche latte proveniente da altre realtà produttive, italiane o addirittura estere, altrimenti non riuscirebbero a soddisfare le piazze ”. Le lavorazioni con cagliate industriali provenienti dall’estero rientrano in quello che è un fenomeno denunciato già da tempo dalla confederazione italiana degli agricoltori molisani e che non solo inganna i consumatori, ma che getta nel fango un’intera regione. “Il problema deve essere risolto all’origine. Servono maggiori e precisi controlli. Gli organi preposti – continua il direttore della Cia Molise – devono effettuare periodicamente verifiche nei caseifici, devono controllare la corrispondenza tra etichetta e materia prima utilizzata. La legge non vieta ai caseifici di acquistare e trasformare latte estero, questo però non consente alle stesse aziende di utilizzare il marchio “100% molisano”. Quando la produzione di derivati del latte è nettamente superiore alla media di trasformazione locale che è pari ai 50 quintali di latte al giorno e quindi circa 20 quintali di prodotti derivati, dovrebbero scattare in automatico i controlli da parte di organismi certificati ai controlli, dalla qualità all’etichettatura”.
Per il direttore Campolieti, non serviva Report per scoperchiare la mega truffa che si cela dietro le false etichette del 100% made in Molise. Campolieti torna così a sollecitare controlli preventivi, ovvero controlli che devono essere effettuati prima che il prodotto caseario viene immesso sul mercato con il rischio di ingannare il consumatore finale.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Gravina incontra Franceschini per esaminare una serie di situazioni

Il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina, ha incontrato a Roma presso il Ministero per i …

2 commenti

  1. Non sono un avvocato,ma chi parla di 100%molisano ,Non è una falsa comunicazione ? La materia prima può anche essere rispondente a tutti i migliori standard di qualità , ma chi la usa non pensa che se ciò non risponde a verità può perdere la fiducia dei consumatori che è il loro maggior tesoro?

  2. Massimiliano Carli Bentivoglio

    Di allevamenti se ne vedono pochi in Molise, se confrontati con tutti i marchi e le quantità di latte nostrano o presunto tale che circolano nei negozi di piccola taglia o nei supermercati. Ma come è stata condotta l’inchiesta? In quali mani è adesso? In quelle di un magistrato o di un semplice giornalista che, più che raccontare, non può fare? È questo il punto! In Italia i ruoli sono sempre sfocati, le mansioni si mescolano e si confondono e chi dovrebbe indagare o non lo fa o fa dell’altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *