Home / Territorio / Campobasso, in carcere ancora un episodio di violenza

Campobasso, in carcere ancora un episodio di violenza

Ancora un episodio al carcere di Campobasso che ha visto protagonista un detenuto a cui non è stata concessa una telefonata e per protesta ha bruciato un materasso. La conseguenza è stata l’intossicazione di due agenti di Polizia a cui sono stati dati 2 e 15 giorni di prognosi. Per il segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria, Aldo Di Giacomo, l’episodio è stato poco rilevante rispetto a quello che si è verificato lo scorso 22 maggio. “Il problema – ha commentato Di Giacomo – è che i materassi nel carcere dovrebbero essere ignifughi, e quindi non infiammabili per evitare che si verifichino episodi del genere. Se il materasso fosse stato quello che stabilisce la norma i due colleghi non sarebbero finiti in ospedale. Di Giacomo ha poi ribadito che il problema di fondo si verifica in seguito alla chiusura degli ospedali psichiatrici e i detenuti psichiatrici dovrebbero essere affidati ai Rems, i centri ospedalieri gestiti dalle Asl, che in Molise non ci sono e dove ci sono hanno solo due o tre posti lasciando fuori quanti ne hanno necessità che poi vengono messi nelle carceri, “dove chi ha questo tipo di malattia – ha aggiunto Di Giacomo – crea problemi”. A Campobasso ci sono 36 detenuti che assumono terapia psichiatrica, mentre a Larino ce ne sono 26 e ad Isernia 7. Mentre la situazione carceraria in Molise vede la struttura di Larino che ha una capienza di 114 persone e ospita 219 detenuti, mentre nella casa circondariale di Campobasso ci sono 174 detenuti rispetto ai 106 che dovrebbe ospitare, la situazione è totalmente diversa ad Isernia che dovrebbe ospitare 50 persone e ci sono 26 detenuti.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Edili domani in sit-in dinanzi la Giunta regionale

Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil del Molise saranno domani a Campobasso, dinanzi la sede …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *