Home / Politica / Bruxelles, Toma: «Essere presenti per contare di più»

Bruxelles, Toma: «Essere presenti per contare di più»

«Il Molise è una piccola regione che ha la necessità di allargare i suoi orizzonti, far sentire la propria voce all’interno di un contesto politico-isituzionale nazionale ed europeo. Ecco perché è fondamentale essere presenti ai tavoli che contano, rappresentare le istanze di un territorio in una dimensione più vasta, di ampio respiro. Questa è la condizione imprescindibile per continuare ad esistere e conservare la propria autonomia».

Ne è fermamente convinto il presidente della Regione Molise, Donato Toma, di ritorno da Bruxelles. Una tre giorni fitta di appuntamenti istituzionali, che ha registrato la sua partecipazione e i suoi interventi su diverse tematiche.

Nella giornata di martedì, il governatore ha preso parte all’incontro preliminare con i membri appartenenti al Gruppo del Partito Popolare Europeo.

A seguire, la riunione del Bureau, che è poi l’Ufficio di Presidenza del Comitato europeo delle Regioni, nel corso della quale i membri dell’organismo, oltre a discutere gli argomenti in agenda, hanno incontrato il segretario del Parlamento europeo, Klaus Welle, con il quale è stato affrontato il tema della collaborazione tra Comitato e Parlamento.

Mercoledì, Toma ha partecipato alla riunione della Delegazione italiana presso il Comitato europeo delle Regioni, che ha preceduto la Sessione plenaria. Tra i temi trattati, i programmi futuri dell’Unione europea per istruzione, cultura, sport e giovani.

Il giorno successivo, alla ripresa dei lavori del Comitato, il dibattito ha interessato il contributo delle città e delle regioni alle politiche europee in materia di vicinato e di sviluppo.

Nel corso della seduta, si è discusso, tra l’altro, di un progetto riguardante la Risoluzione sulla lotta all’incitamento all’odio, elaborato a seguito dell’assassinio del sindaco di Danzica e membro del Comitato, Paweł Adamowicz.

Un argomento sul quale Toma era già intervenuto in sede di Bureau, laddove aveva evidenziato l’esigenza di mettere in campo misure idonee a combattere ed eliminare l’anonimato dai social media.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Il Flop del getto d’acqua in piazza Municipio

Era il novembre 1889 quando l’acqua, con un getto di una ventina di metri, prese …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *