Boris Johnson deve affrontare continue pressioni per dimettersi nonostante abbia vinto un voto di sfiducia

Martedì il primo ministro britannico Boris Johnson ha tentato di riparare la sua autorità in frantumi dopo essere sopravvissuto a un voto di sfiducia che ha rivelato profonde divisioni nel suo partito conservatore e sollevato seri dubbi su quanto tempo avrebbe potuto rimanere in carica.

Secondo le regole del partito, Johnson è ora libero da un’altra sfida per un anno. Ma gli ex primi ministri conservatori che hanno dovuto affrontare un voto di sfiducia sono stati fatalmente danneggiati e un numero crescente di legislatori conservatori teme che Johnson, noto per compiacere il popolo, possa ora essere un freno per gli elettori.

Tuttavia, Johnson ha promesso di “ottenere il lavoro” e concentrarsi su “ciò che conta per il popolo britannico” – che ha definito con l’economia, l’assistenza sanitaria e la criminalità – dopo che i legislatori conservatori hanno votato 211 contro 148 per sostenerlo come leader.

“Ora siamo in grado di tracciare una linea sotto le questioni di cui i nostri oppositori vogliono parlare” e “portare avanti il ​​paese”, ha detto Johnson ai suoi colleghi di gabinetto.

Ma la portata dell’insurrezione ha sollevato seri interrogativi sulla sua capacità di governare in un momento di crescenti pressioni economiche e sociali. L’ex leader del Partito conservatore William Hague ha chiesto a Johnson di dimettersi, dicendo che “il danno alla sua premiership è grave”.

“Sono state pronunciate parole irreversibili, pubblicati rapporti indelebili e voti espressi che mostrano un livello di disapprovazione maggiore di quello che qualsiasi leader conservatore ha sopportato ed è sopravvissuto”, ha scritto Hague in un articolo per il Times di Londra. È stato spruzzato sui media britannici.

Il deputato conservatore Philip Dunn ha votato contro Johnson nel voto di fiducia e ha affermato che la saga della leadership “non era finita”. Dunn è stato fotografato mentre raggiungeva i 10 anni di Downing l’11 maggio 2015. (Neil Hall/Reuters)

“Non è finita”, ha fatto eco Philip Dunn, il deputato conservatore che ha votato contro Johnson nel voto di sfiducia di lunedì.

Gli alti ministri del governo hanno appoggiato la richiesta di Johnson di andare avanti. Il vice primo ministro Dominic Raab ha affermato che il partito dovrebbe “tracciare una linea nella sabbia dopo questo voto”.

Il segretario di Stato Liz Truss ha affermato che il voto ha prodotto un “risultato chiaro”.

“Ora è il momento di mettersi dietro il primo ministro”, ha detto.

Sebbene Truss abbia promesso di essere “al 100%” dietro Johnson, è una delle preferite per sostituirlo se fosse costretto ad abbandonare.

Il ministro degli Esteri britannico Liz Truss ha pubblicamente approvato Johnson, ma è il candidato preferito per sostituirlo se lascia l’incarico. In questa foto, si reca a una riunione di gabinetto il 19 aprile 2022. (Alister Grant/Associated Press)

Il voto di sfiducia ha avuto luogo perché almeno 54 legislatori conservatori, il 15% del blocco parlamentare del partito, hanno chiesto una sfida a Johnson.

Johnson aveva bisogno del sostegno di 180 dei 359 legislatori conservatori per rimanere al potere. Ha ottenuto di più, ma anche se ha definito la vittoria “convincente”, la ribellione è stata più grande di quanto alcuni dei suoi sostenitori si aspettassero.

Il margine è stato più stretto di quello ottenuto dalla sua predecessore, Theresa May, con un voto di sfiducia nel 2018. È stata costretta a dimettersi dopo sei mesi.

“Sarà un grande successo. E penso che sarebbero preoccupati che questa storia non sia ancora finita”, ha detto Tim Bell, professore di politica alla Queen Mary University di Londra. “La verità è che questi concorsi hanno l’abitudine di rivelare quanto sia debole l’autorità del primo ministro”.

Guarda | Johnson sopravvive al voto di sfiducia:

Il primo ministro britannico sopravvive al voto di fiducia che ha chiamato dopo lo scandalo del “cancello del partito”.

6 giugno 2022 – Il corrispondente politico del Guardian Aubrey Allegrete discute della sopravvivenza del primo ministro britannico Boris Johnson in un voto di fiducia e di cosa accadrà dopo. L’agente NBA Enes Kanter Freedom spiega perché il Canada chiede un’azione contro la Cina. Inoltre, tre strateghi politici parlano della vendita dei membri per la corsa alla leadership conservatrice.

profonde divisioni

La ribellione è stata anche un segno di profonde divisioni all’interno dei ranghi conservatori, meno di tre anni dopo che Johnson ha portato il partito alla sua più grande vittoria elettorale degli ultimi decenni. La maggior parte dei giornali britannici non aveva dubbi sul fatto che fosse una cattiva notizia per un leader che in precedenza aveva sempre mostrato una capacità non comune di scrollarsi di dosso gli scandali.

“Una vittoria vuota fa a pezzi i conservatori”, ha dichiarato il Daily Telegraph filo-conservatore. “La festa è finita, Boris”, ha detto il Daily Mirror di sinistra.

Ma alcuni fedeli sostenitori hanno cercato di aggirare il voto di martedì. Il vice primo ministro Dominic Raab ha affermato che il partito dovrebbe “tracciare una linea nella sabbia dopo questo voto”.

“È stato vinto in modo chiaro e deciso”, ha detto.

partiti fuorilegge

Il voto è arrivato dopo mesi di fermento di malcontento per l’etica e le sentenze del primo ministro incentrate sull’esporre i partiti fuorilegge nell’ufficio del primo ministro quando la Gran Bretagna era sotto blocco durante la pandemia di coronavirus.

Nel rapporto del mese scorso sullo scandalo Party Gate, l’investigatrice del servizio civile Sue Gray ha descritto le proteste alimentate dall’alcol da parte del personale di Downing Street nel 2020 e nel 2021, quando le restrizioni pandemiche hanno impedito ai residenti del Regno Unito di socializzare o addirittura di visitare i parenti morenti. Gray ha affermato che Johnson e alti funzionari dovrebbero essere ritenuti responsabili dei “fallimenti di leadership e governance” che hanno creato una cultura di violazione delle regole nel governo.

Johnson è stato anche multato di 50 sterline (circa 79 dollari canadesi) dalla polizia per aver partecipato a una festa, rendendolo il primo primo ministro ad essere punito per aver infranto la legge mentre era in carica.

Il primo ministro ha detto di sentirsi “umiliato” e di assumersi la “piena responsabilità”, ma ha continuato a difendere la sua partecipazione al partito come essenziale per il morale del personale e ha definito ingiuste alcune delle critiche al “partito”.

Da sinistra a destra, il leader della Camera dei Comuni Mark Spencer, il segretario agli affari Kwasi Quarting, il segretario agli alloggi Michael Gove, il segretario agli interni Priti Patel, il cancelliere del ducato di Lancaster Stephen Barclay e il segretario alla giustizia e vice primo ministro Dominic Raab partecipano a una riunione del gabinetto mercoledì. (Leon Neal/AFP/Getty Images)

Un’indagine sull’etica

Johnson deve ancora affrontare un’indagine etica parlamentare sul suo “cancello del partito” e anche il suo governo è sottoposto a forti pressioni per alleviare il dolore della spirale di bollette energetiche e alimentari, mentre affronta le ricadute della Brexit.

I sondaggi d’opinione danno al partito laburista di centrosinistra di opposizione il vantaggio a livello nazionale e Johnson dovrà affrontare maggiori pressioni se i conservatori perderanno le elezioni speciali alla fine di questo mese per due circoscrizioni parlamentari, che sono state convocate quando i legislatori conservatori in carica sono stati costretti a ritirarsi per scandali sessuali.

Bell ha detto che Johnson probabilmente resisterà con tagli alle tasse e altre politiche progettate per fare appello alla sua base di partito di destra.

“Il problema è che suggerisce, se vuoi, soluzioni politiche a un problema personale”, ha detto. “Sembra dai sondaggi che l’opinione pubblica si sia rivolta in particolare contro Boris Johnson, e questo è in parte ciò che sta trascinando giù il Partito conservatore”.

READ  Un dipendente dell'Ahuachapen Hospital muore a causa di COVID-19; La seconda vittima entro tre giorni Notizie da El Salvador

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.