Home / Politica / Boccardo: “Il Molise arretra: dobbiamo difendere i presidi territoriali.”

Boccardo: “Il Molise arretra: dobbiamo difendere i presidi territoriali.”

“Mentre la campagna elettorale per le prossime amministrative vede impegnati politici e amministratori di ogni genere nella presentazione dei candidati e nella chiusura delle liste, un altro duro colpo viene assestato al Molise: l’accorpamento dell’Area Compartimentale regionale dell’Anas a quella abruzzese”. Così, la segretaria della UIL Molise, Tecla Boccardo che prosegue: “Un’altro pezzo che se ne va! Se da un lato ci si difende alla meglio per scongiurare la dismissione di caserme e uffici di pubblica utilità, o rispetto agli ulteriori tagli alla sanità o alla scuola, dall’altro i grandi gruppi come Poste Italiane, Trenitalia, RFI e adesso Anas, proseguono nella loro politica di tagli indiscriminati di sedi periferiche, anche se regionali, abbandonando territori come il Molise e il Sud dove, inoltre, sono sempre meno anche gli investimenti messi in campo per migliorare o potenziare i servizi  rispetto al resto d’Italia”.   “Quotidianamente, attraverso le singole categorie, ci impegniamo con tutte le nostre forze a sollevare questa drammatica situazione, ma se la politica a livello nazionale e regionale non ci mette il suo impegno,  i risultati continueranno a essere questi. E le conseguenze non sono poi così difficili da immaginare. C’è bisogno di un’azione più incisiva e che le nostre rappresentanze istituzionali devono mettere in campo sui tavoli nazionali con forza e determinazione, per bloccare questa continua emorragia di presidi e servizi al cittadino”.  “Ci piacerebbe che lo stesso impegno messo in campo per la campagna elettorale venisse riservato anche per difendere il territorio da questo svuotamento di funzioni e centri decisionali per  tutelare l’autonomia regionale che, prima delle poltrone, resta fondamentale per  garantire i diritti e servizi. Non si può pensare di delegare ad altri le nostre emergenze e necessità come la viabilità, il trasporto pubblico o i servizi postali; temi tra loro diversi ma in egual modo importanti per la tenuta della nostra regione e il benessere dei suoi abitanti”.  Se ci si batte per ottenere risorse, per impegnarle e spenderle al meglio, con l’obiettivo di restituire un’opportunità a questa terra, non ci si può distrarre o, ancora peggio, ignorare accadimenti di questo tipo, che mettono in discussione l’azione amministrativa, operativa e attrattiva di una regione. E con l’aria che tira, conclude Boccardo,  distrarsi sui temi dell’autonomia di un territorio non è proprio strategico.”

Di admin

Potrebbe Interessarti

Trasporto su gomma, nuovo sciopero il 27 novembre

Non si fermano gli autisti del trasporto su gomma. Nuovo sciopero fissato per mercoledì 27 …

Un Commento

  1. Grazie Tecla! Ancora una volta le logiche autoreferenziali sembra che debbano prevalere all’interesse comune , forse si è perso il senso della parola RAPPRESENTANZA,cioè che chi si presenta a chiedere voti dovrebbe nei fatti e non negli annunci preparare le migliori strategie possibili per risolvere i problemi della comunità…….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *