Home / Territorio / Ancora due treni guasti. L’assurdo della rete molisana

Ancora due treni guasti. L’assurdo della rete molisana

Il treno regionale doveva partire questa mattina alle 8.36 dalla stazione di Campobasso con destinazione Roma Termini. Doveva, perché il treno non è partito più. È stato cancellato e sostituito da un servizio sostitutivo con autobus perché un altro treno, proveniente da Isernia, era fermo a Boiano a causa di un guasto. Ma la disavventura è terminata? Assolutamente no. Perché il treno che si era rotto a Boiano, si è fermato in corrispondenza del passaggio a livello della città matesina che è rimasto, quindi, chiuso. Così, il pullman ha dovuto fare un’altra strada per tornare sulla statale verso Isernia e proseguire fino a Cassino per consentire ai pendolari di salire su altro treno e raggiungere Roma. Ma è possibile che ogni volta dobbiamo annotare in cronaca quanto accade nel sistema ferroviario molisano? Viaggiatori presi per i fondelli, la Regione sbeffeggiata e le Ferrovie dello Stato e Trenitalia che se ne infischiano. E qui a raccontare con sfumature che vanno dal tragico al comico le peripezie che i viaggiatori di Trenitalia vivono andando da Campobasso a Roma e a Napoli, e viceversa. Una rappresentazione da anni sempre con lo stesso copione. Siccome di queste disavventure sono anni che la cronaca molisana ne fa incetta e commento, probabilmente le Ferrovie, Trenitalia e l’assessorato regionale ai trasporti c’hanno fatto il callo. Se ne fregano. Non chi viaggia, però, e ne subisce le conseguenze. Costoro sono la cartina del Tornasole di una condizione che implica responsabilità peraltro mai imputate, mai perseguite e mai penalizzate

Di admin

Potrebbe Interessarti

“Museo Pistilli non chiude. Anche se manca il personale”

“Visti i diversi articoli e comunicati che da un paio di giorni circolano sugli organi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *