Air Canada ha ridotto i voli estivi per far fronte all’elevato traffico aeroportuale

Air Canada sta tagliando gli orari nei mesi di luglio e agosto al fine di ridurre i volumi di passeggeri alla luce di una serie di ritardi dei voli, cancellazioni e caos generale nel settore aereo.

I rapporti indicano che più della metà dei voli in alcuni aeroporti canadesi sono stati cancellati o ritardati. Mentre questo fenomeno viene testato in tutto il Nord America, a Toronto Pearson sono emersi alcuni scenari peggiori. La situazione è così grave che il ministro dei trasporti federale Omar Al-Ghubra ha descritto il caos dei bagagli nell’aeroporto più trafficato del Canada come “inaccettabile”.

Il boom dei viaggi ha creato pressioni senza precedenti e inaspettate su tutti gli aspetti del sistema aereo globale, afferma Michael Russo, Presidente e CEO di Air Canada.

Russo afferma che si verificano frequenti ritardi dei voli in tutto il mondo, con conseguente congestione negli aeroporti e una “serie complessa” di fattori in corso che interessano le compagnie aeree e i loro partner. Il risultato, dice Russo, è stata la cancellazione dei voli e la mancanza di servizio clienti, di cui si “scusano sinceramente”.

Dice che i tagli agli orari durante i frenetici mesi estivi hanno lo scopo di aiutare a ridurre il traffico anche se comporterà un maggior numero di cancellazioni di voli che colpiranno i viaggiatori.

READ  L'Italia sostiene UniCredit nell'acquisizione - Südtirol News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.