Home / Politica / “AFFAIRE CONSULENTI” SENZA ACREDINE BENE INTESI!!!

“AFFAIRE CONSULENTI” SENZA ACREDINE BENE INTESI!!!

di Massimo Dalla Torre

 

Eccoci nuovamente a voi, anche se ne avremmo fatto molto volentieri a meno, perché stanchi di dover essere i grilli parlanti della situazione, ma la notizia merita la giusta attenzione. Non so quanti di voi ricordano la commedia musicale andata in scena negli anni 70, per la precisione era il 1974, dal titolo “Aggiungi un posto a tavola”. Un musical scritto dalla coppia per eccellenza del teatro leggero italiano Garinei e Giovannini, magistralmente interpretato da Johnny Dorelli che, nelle vesti di un prete, tra una canzone e uno scherzo,  invitava alla letizia e all’amicizia aberrando i conflitti e le liti. Fin qui nulla di strano, perché di musical lo scenario teatrale è pieno. La particolarità della questione che, ci ha indotto a intervenire, è che il tema conduttore che ha dato il titolo alla commedia musicale, nella seconda parte ha un ritornello alquanto singolare …SE SPOSTI UN PO’ LA SEGGIOLA STAI COMODO ANCHE TU, GLI AMICI A QUESTO SERVONO A STARE IN COMPAGNIA, SORRIDI AL NUOVO OSPITE NON FARLO ANDARE VIA DIVIDI IL COMPANATICO RADDOPPIA L’ALLEGRIAProprio su questo vorremo che focalizzaste la vostra attenzione poiché, in barba alle vicissitudini in cui versa la nostra regione, barricandosi dietro esigenze a carattere di urgenza si è pensato bene di nominare  altri consulenti, tenuto conto che la “materia consulenti”  è un vero e proprio cavallo su cui puntare tant’è che sotto certi aspetti risulta vincente, senza sapere che sia prima che ora favorisce, qualora nessuno se ne sia accorto una nuova “emorragia” a danno delle disastrate casse regionali cosa che lascia senza parole. Un mutismo chiassoso che ci induce a fare qualche piccola riflessione che, ripetiamo, non deve essere considerata assolutamente lesiva nei confronti di chi è entrato a far parte del parterre dei signori di palazzo cui vanno i migliori auguri di buon lavoro, anche perché stimati professionisti. Una riflessione dettata unicamente dalla constatazione che, i continui “assalti” alla cassa  crea squilibri alla stabilità economico-finanziaria del Molise, nonostante si affermi il contrario. Un vero e proprio “salasso” che potrebbe essere arrestato soltanto se si volesse, ma voci di corridoio sussurrano che “le cambiali sono all’incasso e di conseguenza è meglio pagarle senza rinvii altrimenti vanno in protesto”. A questo punto ci fermiamo qui perché, se proseguissimo, rischieremo di compromettere seriamente la stabilità psichica dell’intera collettività molisana. Per quelli che come noi assistono attoniti a queste vicende, verrebbe spontaneo chiudersi naso, occhi e bocca, proprio come le tre scimmiette in modo da non sentire, vedere e aspirare i “miasmi” generati dall’ “insana palude”. Invece no, perché è bene portare a conoscenza anche, di chi non presta attenzione agli artifizi messi in opera dai “maghi locali”, qual è la trama del dramma. Il quale, non esitiamo a paragonarlo a quelli scritti dai drammaturghi inglesi o tedeschi, le cui vicende, nonostante le proteste, sono mitigate con esigenze non più procrastinabili che,  se lette con la giusta attenzione,  generano molti dubbi  ma soprattutto pochissime soluzioni. Un dramma che indica che la “guerra dei casati” è in corso da tempo. Un dramma in cui la colonna sonora non è lieta come quella di “aggiungi un posto a tavola” bensì, austera che, al paragone la cavalcata delle valchirie con cui Wagner idolatrò gli eroi del Valhalla, il palazzo degli eroi delle saghe nordiche uccisi in battaglia e dimora del re Odino situato nel regno l’Asgard, è un motivetto bucolico che si potrebbe canticchiare come tormentone di questa primavera all’insegna delle elezioni amministrative che, nella fattispecie, fanno gioco; e come se lo fanno…

 

 

 

 

Di admin

Potrebbe Interessarti

Sanità molisana allo sfascio. Prima di sparare su Roma guardiamo in casa nostra

E’ la sanità, nel Molise, la vera, grande, malata. Affetta da una sorta di debolezza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *