3 clandestini nigeriani trovati naufraghi alle Isole Canarie dopo 11 giorni di viaggio

tre clandestini È stato trovato sul timone della nave isole Canarie Dopo una crociera di 11 giorni dalla Nigeria, Spagna ha detto il servizio di soccorso marittimo.

L’Associazione spagnola per la sicurezza e il soccorso marittimo ha riferito che gli uomini trovati a bordo della petroliera Alithini II nel porto di Las Palmas lunedì a mezzogiorno mostravano sintomi di disidratazione e ipotermia e sono stati portati negli ospedali dell’isola per cure mediche.

La delegazione del governo spagnolo alle Isole Canarie ha dichiarato all’Associated Press che tutti i sopravvissuti provenivano dalla Nigeria. Uno di loro è rimasto in ospedale martedì.

Leggi di più:

Un rifugiato afghano e uno studente della Western University hanno bisogno di fondi per portare la sua famiglia in Canada

Agenzia di Soccorso Marittimo, conosciuta in Spagna come Salvamento Maritimo. Ha condiviso una foto di tre uomini appollaiati al timone sotto il massiccio scafo della nave, con le gambe che pendono a pochi centimetri dall’acqua.

La storia continua sotto l’annuncio

Secondo il sito web di monitoraggio del traffico MarineTraffic, la nave battente bandiera maltese ha lasciato Lagos, in Nigeria, il 17 novembre ed è arrivata a Las Palmas lunedì. La distanza tra i porti è di circa 4.600 km.

Altri sono stati precedentemente catturati aggrappati ai timoni mentre rischiavano la vita per raggiungere le isole spagnole al largo dell’Africa nord-occidentale. Salvamento Marítimo ha affrontato sei casi simili negli ultimi due anni, secondo Sofia Hernandez, che dirige il Centro di coordinamento dei servizi a Las Palmas.


Clicca per riprodurre il video:

La disputa tra Texas e Biden confonde Washington con gli immigrati


I migranti possono cercare riparo all’interno della struttura scatolare attorno al timone, ha spiegato Hernandez, ma sono ancora vulnerabili al maltempo e al mare agitato. “È molto pericoloso”, ha detto all’Associated Press.

Il livello di pescaggio fluttuante di una nave, la distanza verticale tra la linea di galleggiamento e il fondo dello scafo, rappresenta un altro pericolo per questi clandestini. I livelli variano a seconda del peso del carico a bordo.

La storia continua sotto l’annuncio

“Stiamo parlando di una differenza di diversi metri. Quella parte potrebbe essere stata completamente sommersa dall’acqua”, ha detto Hernandez.

Leggi di più:

Gli esperti affermano che le inondazioni in Nigeria erano 80 volte più probabili a causa del cambiamento climatico

Nel 2020, un ragazzo nigeriano di 14 anni è stato intervistato dal quotidiano spagnolo El Pais dopo essere sopravvissuto per due settimane al timone di una nave. Anche lui era partito da Lagos.

“Non è la prima volta e non sarà l’ultima”, ha twittato Txima Santana, giornalista e consulente per l’immigrazione del governo regionale delle Isole Canarie.

In tali casi, l’armatore è responsabile del ritorno dei clandestini al punto di partenza, secondo la delegazione del governo spagnolo nelle isole.

Migliaia di migranti e rifugiati dall’Africa settentrionale e occidentale sono arrivati ​​irregolarmente alle Isole Canarie negli ultimi anni. La maggior parte di loro effettua la pericolosa traversata atlantica su barche affollate dopo essere partita dalle coste del Marocco, del Sahara occidentale, della Mauritania e persino del Senegal.

Più di 11.600 persone hanno raggiunto le isole spagnole in barca finora quest’anno, secondo i dati del ministero dell’Interno spagnolo.

E copia 2022 The Canadian Press

READ  Una sentenza del tribunale israeliano potrebbe aprire la strada allo sfratto dei palestinesi in Cisgiordania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.