Home / Territorio / “Vogliamo andare con Baranello”

“Vogliamo andare con Baranello”

Baranello e Colle d’Anchise si appresterebbero a cambiare i rispettivi confini territoriali ed anche il rispettivo dato demografico. Un gruppo di cittadini della contrada Lamaturo/Mignaniello di Colle d’Anchise,  confinante con l’agro di Baranello,  ha chiesto di diventare cittadini di quel paese e la contrada, a sua volta, territorio.  Sembra una piccola cosa e invece siamo di fronte ad evento storico: la modifica di confini comunali e il trasferimento di residenza. Baranello aumenterebbe di popolazione, Colle  d’Anchise diminuirebbe. A fronte della questione nazionale impiantata sull’ipotesi delle macroregioni, con il corollario delle motivazioni di chi è favorevole e di chi è contrario, delle polemiche in essere, delle valutazioni e delle riflessioni storico/cultuali e socioeconomiche che si confrontano, ecco spuntare, quasi alla chetichella, racchiusa in due deliberazioni consiliari e in una proposta di legge regionale, l’ipotesi di una nuova realtà territoriale, la modifica dei confini comunali, delle mappe catastali e dei registri anagrafici. Il Molise che sappiamo, si appresterebbe ad essere un Molise diverso. La dimensione della faccenda è oggettivamente circoscritta. Riguarda una manciata di cittadini di Colle d’Anchise e una porzione di territorio intorno ai 31 ettari. Ma non sono questi dati a fare notizia, quanto il fatto che cittadini di Colle d’Anchise rivendicano radici etniche e legami alle tradizioni contadine di Baranello, e non solo per essere territorialmente attigui a quel paese. Intendono soprattutto affermare un elemento identitario di natura socioculturale a sostegno della ragioni che, dal loro punta di vista, postulano di essere baranellesi. Un elemento che potrebbe aprire una scaturigine di richieste di cambiamento sul presupposto che situazioni simili si potrebbero contare a decine nel Molise, con insediamenti a confine tra un comune e l’altro, e l’insoddisfazione di trovarsi in un comune invece di un altro.   In aggiunta, i cittadini

di contrada “Lamaturo di Mignaniello” e “Piana San Rocco” rilevano caratteristiche ambientali e sociali più prossime a quelle di Baranello che a Colle d’Anchise; la vicinanza delle proprie abitazioni a quell’abitato; il fatto di utilizzare  i servizi primari  (strade, acquedotti, raccolta rifiuti solidi urbani) e secondari (scuole, scuolabus, attività commerciali e luoghi di culto, eccetera) del comune di Baranello. Altro aspetto rilevante, da prendere in considerazione per valutare lo spirito e la lettera della richiesta, è la circostanza che vede la piena adesione dei rispettivi consigli comunali e la possibilità di evitare un referendum, data dalla lettura dello Statuto regionale in vigore all’articolo che regola  le  norme generali sulle circoscrizioni comunali e la disciplina dei referendum consultivi, ovvero l’articolo  23 che, segnatamente al comma 2, disciplina i casi in cui non si dà luogo al referendum consultivo sulle richieste di modifica dei confini circoscrizionali tra due o più comuni. Cambiare quindi si può. Baranello e Colle d’Anchise intendono cambiare e intendono farlo in pieno accordo, scambiandosi le ragioni per cui un gruppo di cittadini di Colle d’Anchise vuole diventare baranellese, e le ragioni  per cui l’amministrazione di Colle d’Anchise si dice soddisfatta della cessione in permuta di eguale superficie di territorio di  località “Lamaturo diMignaniello” e “Piana San Rocco” da parte di Baranello. Su questi dettati, pienamente condivisi tra le due amministrazioni locali, la Regione Molise non ha avuto difficoltà a predisporre una proposta di legge che considera di interesse pubblico superiore per entrambe le comunità coinvolte, le esigenze topografiche, economiche, storiche e sociali. Un precedente, questo che raccontiamo, che può  sviluppare una fenomenologia che nessuno al momento ne può valutare la portata e le conseguenze.

 

Dardo

 

 

 

 

 

 

 

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Pagine di Novecento Molisano

E’ giunto al secondo volume, Pagine di Novecento molisano. Un racconto della storia della nostra …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*