Home / Territorio / Videosorveglianza, può partire il progetto

Videosorveglianza, può partire il progetto

A partire saranno i comuni di Riccia, Guglionesi e Campomarino. Parliamo di videosorveglianza il progetto che, ora, potrà partire. La presentazione, nel corso di una conferenza stampa tenuta dai presidenti del Consiglio regionale Vincenzo Cotugno, della Giunta regionale, Paolo Frattura, dal consigliere delegato Cristiano Di Pietro, dai Prefetti di Campobasso e Isernia e a cui hanno partecipato i rappresentanti delle forze dell’ordine e i sindaci dei comuni interessati. Due milioni e 220 mila euro, 503 telecamere, 11 comuni al di sopra dei cinque mila abitanti, 180 giorni per terminare i lavori e 280 mila euro di economie da rinvestire, questi i numeri del Patto per la Sicurezza.  “Questo progetto – ha spiegato Vincenzo Cotugno – ci ha visti impegnati per due anni in una collaborazione tra le forze dell’ordine, le due Prefetture  e gli undici comuni al di sopra dei cinque mila abitanti”. Una gara d’appalto fatta a dicembre del 2015 e a breve l’inizio dei lavori per l’installazione delle telecamere, “un altro tassello che siamo riusciti a mettere e per cui ci siamo impegnati con i cittadini molisani, a conclusione del nostro mandato – così ha commentato il governatore Frattura”. Un progetto che ha ricevuto il plauso dal ministero degli interni così come sottolineato, con soddisfazione dai prefetti di Campobasso, Guia e da quello di Isernia, Guida.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Assindustria Molise, la vice presidenza a Colavita. La Molisana da parte?

La Giunta di Confindustria Molise ha designato, il nuovo presidente. Si tratta di Vincenzo Longobardi, …

2 commenti

  1. Pierangela Nenci

    Voglio proprio vedere, sono circa tre anni che fate i proclami!!!

  2. Domiziana Mangilulfo

    Guarda caso, dopo lunghi mesi di attesa, in concomitanza con le prossime scadenze elettorali, qualcosa pare muoversi. In ogni caso, se non vedo, non credo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*