Home / Politica / “Valorizzazione gruppi folk, grazie Cotugno”

“Valorizzazione gruppi folk, grazie Cotugno”

“L’Associazionismo è l’alternativa ad una classe politica dormiente e con poche idee o presa da altro, ritenuto più importante”.
L’affermazione, perentoria quanto si vuole, ma con un notevole fondo di verità, è promanata dalla Federazione Italiana Tradizioni Popolari riunita nei giorni scorsi a Ferrazzano per l’Assemblea regionale che ha visto radunati a Palazzo Chiarulli i rappresentanti di tutti i gruppi delle tradizioni popolari. A Ferrazzano e non altrove, in ossequio al ricostituito gruppo” Lu Passariell”. Un’assemblea viva e vivace, con criticità ma soprattutto voglia di rappresentare il Molise schietto, senza schematizzazioni, il Molise del bello, dell’arte, della tradizione. La Fitp, tenutaria, insieme ad altre associazioni che hanno lo stesso scopo, della tradizione popolare molisana e italiana, funge da volano aggregativo, e si prodiga allo sviluppo, alla divulgazione ed alla conservazione di ciò che è un vanto italiano: l’unicità, nella diversità, delle tradizioni popolari che, sintetizzando, sono l’essenza della vita contadina, di quartiere, di comunità. Nel cuore dell’assemblea, il portavoce del presidente del consiglio regionale Vincenzo Cotugno, ha annunciato la proposta di legge regionale per la tutela del patrimonio materiale ed immateriale del Molise e per la salvaguardia dell’azione dei gruppi folk molisani.
La proposta ha preso origine a Rionero Sannitico in occasione della terza edizione della rassegna delle serenate, cui ha preso parte Cotugno. Un impegno portato a termine. L’assemblea quindi s’è conclusa con la ratifica dell’ingresso nella Federazione del gruppo campobassano “ Fontanavecchia “ e con la elezione di Mario Barile del gruppo “Matesini di Campochiaro” alla presidenza provinciale. IL significato dell’avvenimento l’ha espresso Maurizio Varriano, coordinatore dei Borghi d’eccellenza: “E’ il Molise che non chiede ma si offre, malato di una malattia incurabile: la molisanità”.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Di Niro: “Perchè l’edilizia viene ignorata?”

“Sembra che gli sforzi della politica siano concentrati su tanti settori tranne che sull’edilizia e …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*