Home / Territorio / “Va bene la riduzione del carburante agricolo, ma restano le criticità per i cinghiali”

“Va bene la riduzione del carburante agricolo, ma restano le criticità per i cinghiali”

Coldiretti Molise esprime apprezzamento per la restituzione, da parte dell’assessorato regionale all’Agricoltura, del 23% del carburante agricolo agevolato spettante agli imprenditori molisani.   “La nostra Organizzazione – afferma il delegato confederale di Coldiretti Molise, Giuseppe Spinelli – giudica positivamente la decisione assunta dall’assessore all’Agricoltura, Nicola  Cavaliere, sulle agevolazioni per il carburante agricolo, che ha così dato una prima risposta alle ripetute sollecitazioni di Coldiretti sulle varie problematiche che attanagliano il settore primario. Adesso – ha aggiunto il delegato confederale – bisogna che si prosegua su questa strada e l’assessore si adoperi per risolvere, in tempi rapidi, anche altre gravi criticità che Coldiretti continua a porre sul tavolo”.

Come più volte denunciato da Coldiretti, infatti, uno dei problemi che riveste carattere di maggiore urgenza è quello dei danni da fauna selvatica “che ormai – afferma il direttore regionale di Coldiretti Molise, Aniello Ascolese – non riguarda più solo le imprese agricole, impossibilitate a produrre a causa della furia distruttrice degli ungulati, ma l’intera popolazione. Avvistamenti di grandi branchi, aggressioni all’uomo e incidenti stradali da loro causati, vengono ormai riportati con frequenza quasi giornaliera dai media locali”.

Di grande importanza per Coldiretti è poi anche la sburocratizzazione dei servizi alle imprese. “Un risultato che potremo raggiungere rapidamente – afferma Spinelli – con l’avvio del Super CAA. Ad oggi – spiega il delegato confederale di Coldiretti Molise – attraverso il Caa, (Centro Assistenza Agricola, ndr) la nostra Organizzazione assolve già a numerose funzioni delegate dalla Pubblica Amministrazione e l’avvio del Super CAA ci consentirà di rendere ancora più rapidi una serie di servizi, a tutto vantaggio degli imprenditori agricoli i quali, in tal modo, potranno evitare lungaggini burocratiche impiegando al meglio il loro tempo”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Non facciamo del Molise un vuoto a perdere

di Giuseppe Saluppo Case senza famiglia, disabitate d’anime, nascite e cuori; non case, ma vuoti …

Un Commento

  1. È mai possibile che quattro ” animalisti ” tengano in scacco l’intero territorio nazionale e mettano in ginocchio agricoltura e allevamento che sono fonte di LAVORO e reddito per chi esercita agricoltura e allevamento e che costituiscono prodotti privilegiati per tutti noi che possiamo usufruire di una filièra più sicura per la nostra salute? La vita umana , a mio giudizio, dovrebbe venire SEMPRE prima

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*