Home / Politica / Un nucleo di valutazione ad hoc per stabilire la qualità del lavoro del direttore generale dell’Asrem
Asrem 118 Molise

Un nucleo di valutazione ad hoc per stabilire la qualità del lavoro del direttore generale dell’Asrem

Un nucleo di valutazione ad hoc per stabilire la qualità del lavoro del direttore generale dell’Azienda sanitaria regionale del Molise. Lo ha costituito di recente il direttore generale per la Salute, Lolita Gallo, nome, questo, che si riscontra e si ritrova in molti provvedimenti non solo e non sempre per la qualifica dirigenziale che riveste da quando  il presidente della giunta regionale, Frattura, è rimasto orfano di Marinella D’Innocenzo, la cui impronta amministrativa e gestionale è ancora rilevabile nella grande  marea degli atti programmatici  e organizzativi che hanno accompagnato il Piano di rientro e il Piano sanitario regionali  di cui, ribadiamo, si ricordano il taglio di importanti reparti alle strutture pubbliche e la implicita valorizzazione dei presidi sanitari privati. La sanità molisana, per come e per quanto è stata messa nella condizione di assicurare i servizi all’utenza, andrebbe sottoposta essa in toto ad un nucleo indipendente di valutazione, con gente esperta, autonoma, libera da condizionamenti, che ne valutasse l’organizzazione e la resa. Solo così si potrebbe avere un quadro leggibile delle condizioni in cui viene svolta l’assistenza sanitaria, quali sono i punti di eccellenza e quali, invece, quelli dequalificanti. Mancando una simile possibilità, della sanità molisana lasciata sciolta, arruffata nell’organizzazione, indefinita nella gestione, mortificata nelle potenzialità e, come sempre, oggetto di favoritismi carrieristici e protezionismi professionali diventa una facile argomentazioni per denigratori, laudatori e approfittatori. La direzione generale dell’Asrem  per taluni aspetti, al momento della nomina, è stata  considerata una scelta politica, anche se le credenziali di Gennaro Sosto sono pienamente corrispondenti alle qualità necessarie per gestire un’Azienda sanitaria regionale, e correttamente pertanto se ne vuole avere riscontro andando a valutare il tipo, la qualità e la quantità di lavoro svolto. Per farlo, come abbiamo detto all’inizio, la direzione generale per la Salute ha composto un apposito Nucleo di valutazione  con esperti in materia di programmazione sanitaria, acquisizione di beni e servizi, gestione finanziaria e bilancio, gestione delle risorse umane, ovvero con Lolita Gallo, direttore generale per la Salute pro-tempore; Mariarosaria Simonelli, direttore pro-tempore del II dipartimento della Regione Molise “Politiche di bilancio e delle risorse umane – Sistema regionale e autonomie locali”; Francesco Capalbo, professore associato per il settore scientifico disciplinare di Economia aziendale presso il dipartimento di Medicina e scienze della Salute “V. Tiberio” dell’università del Molise Antonella Di Biase con funzioni di segreteria. Tranne Capalbo, tutto in famiglia. Aspettiamoci quindi un bel 110 e lode.

Dardo

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Un Accordo Quadro per gli ex lavoratori dello zuccherificio  per evitare che, ad elezioni regionali concluse, “Passata la festa, gabbato lo santo”

Non gli è costata fatica all’assessore regionale alle attività produttive Veneziale spendersi in varie ipotesi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*