Home / Ambiente / Un ecomuseo nel Molise e il ruolo economico e culturale della transumanza

Un ecomuseo nel Molise e il ruolo economico e culturale della transumanza

Mercoledì 15 e giovedì 16 novembre, a Capracotta e a Campobasso, su iniziativa (apprezzabile) dell’università, due giornate di studi e dibattiti sulla transumanza (di uomini e animali). A Capracotta per verificare la  possibilità di creare un ecomuseo molisano del pastoralismo e della transumanza; a Campobasso la  Giornata internazionale internazionale di studi sulla transumanza  come patrimonio bio-culturale.

Entrambe  preparano e preludono a sviluppi, augurabili, che portino a qualcosa di concreto. Il museo, ad esempio, per farne un punto di riferimento costante per studiosi e curiosi: per un turismo colto, scientifico, ma aperto a tanti altri interessi in un luogo (Capracotta) e in un ambiente (il Giardino di flora appenninica e di piante officinali) che si prestano all’esaltazione di una cultura antica : la pastorizia e la transumanza per farne motivi di sviluppo, di crescita, di attrazione turistica. A Capracotta, dopo i saluti del presidente del consorzio  del Giardino della flora appenninica,  del sindaco del paese, Candido Paglione, e del presidente del Centro interdipartimentale dell’università degli Studi del Molise Biocult, Fabio Pilla, saranno in tanti a prendere la parola per dare ampiezza al tema in discussione partendo da punti d’osservazione differenti. Tommaso Giagnacovo, presidente della Coldiretti del  Molise; Franco Di Nucci, dell’Azienda casearia omonima  di Agnone;  Francesco Cimino, dell’ Associazione tratturi coast2coast;  Letizia Bindi, direttore del Centro interdipartimentale  dell’Università degli Studi del Molise – Biocult,  Luca Battaglin, dell’università degli Studi di Torino  e Marco Giordano, presidente del Consorzio  Assomab /Gal Alto Molise. Studiosi,operatori ed esperti per una concertazione che possa portare ad un incremento delle rispettive attività e, come diciamo, alla costituzione dell’ecomuseo. “Persone che vivono, conoscono, conservano e consapevolmente intendono riappropriarsi della memoria e della vocazione profonda dei luoghi”. Gli interventi sono corroborati dalla proiezione  di video su diverse esperienze di ricerca sulle vie della transumanza in Italia e in Europa. I tratturi, la transumanza. Il Molise ha dotazioni e manifestazioni ancora oggi praticate, basti pensare alla transumanza che ogni anno realizza la famiglia Colantuono di Frosolone. Trasferirle su un piano scientifico e culturale,  pare decisamente una buona idea, che si vuole, infatti realizzare con l’ecomuseo. Interessante è notare, inoltre, come da questi incontri/simposi sia fortunatamente assente la componente politica, giusto per evitare fughe in avanti, personalismi e demagogie varie.

Domani a Campobasso altro incontro più marcatamente scientifico: Giornata internazionale di studi sulla transumanza  come patrimonio bio-culturale.  Data la caratterizzazione dell’incontro, la lista dei saluti è particolarmente nutrita: dal rettore Palmieri a Enzo di Nuoscio (direttore del Dipartimento Susef dell’UniMol), a Fabio Di Pilla (presidente del Centro interdipartimentale dell’UniMol), a Teresa E. Cinquantaquattro (della Soprintendenza Archeologia del Molise) e – rara avis – a Vittorino Facciolla (vice presidente della Regione Molise). Per fortuna poi gli interventi: Letizia Bindi, direttore del Centro interdipartimentale dell’UniMol (Cammini di uomini, cammini di animali. Paesaggi culturali e naturali della transumanza ); Roberto Parisi dell’università degli Studi del Molise (La pecora e l’architettura. L’immaginario dell’Arcadia nelle pratiche di tutela dei percorsi tratturali); Valentina Lapiccirella Zingari, antropologa   (Patrimoni pastorali come patrimoni immateriali tra le Alpi e l’Appennino. Dialogo tra casi di studio: Cocullo in Abruzzo e il Massif des Bauges   (Francia);  Jean-Claude Duclos, presidente onorario  della Maison de la Transhumance (Pourquoi défendre la pratique de la transhumance ? Perché difendere la pratica della transumanza?); Patrick Fabre, direttore della Maison de la Transhumance (Comment défendre la transhumance ? L’exemple de la Maison de la transhumance et de ses projets. Come difendere la transumanza? L’esempio dellaa Casa della transumanza e dei suoi progetti. ); Antonio Onorati dell’Associazione rurale italiana (Pastori in cammino, tra crisi e resistenza); Fulvia Ciliberto, Francesca Di Palma e Carlo Ebanista dell’ università degli Studi del Molise (Lungo le vie della transumanza: tutela, valorizzazione e potenzialità tra età classica e Medioevo); Antonio Lucidi e Francesca M. Sarti del Centro per la documentazione e la ricerca antropologica in Valnerina e nella dorsale appenninica umbra (Le vie della transumanza in Valnerina e nella dorsale appenninica umbra); Dragos Lumpan, video documentarista -ricercatore (Introduzione al videodocumentario The Last Transhumance). Davvero una Giornata internazionale che non potrà non lasciare traccia. Sempre che, poi, il sistema politico e amministrativo del Molise ne sappia fare tesoro.

Dardo

 

 

 

 

 

 

 

 

Di Dardo

Potrebbe Interessarti

Reddito d’inclusione, 1.200 domande accolte in Molise

Sono oltre 1.200 le domande accolte in Molise per il cosiddetto Reddito d’inclusione e altrettante …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*