Home / Politica / “Ulivo 2.0? Mi auguro che non sia una percentuale elettorale”

“Ulivo 2.0? Mi auguro che non sia una percentuale elettorale”

“Ulivo 2.0? Mi auguro che la sigla non sia la percentuale elettorale in grado di raccogliere”. Interviene, così, la segretaria regionale del Pd, Micaela Fanelli a seguito dell’assemblea organizzata a Campobasso dal senatore Roberto Ruta e dall’onorevole Danilo Leva. “L’Ulivo 2.0 – prosegue la Fanelli – non è altro che un’iniziativa individuale che il partito non riconosce. Ovviamente sono rispettosa delle iniziative di tutti, ma necessita ricordare che il partito è quello in via Ferrari, ed è sempre e solo quello che si rispecchia nella procedura ufficiale deliberata dall’assemblea. Proprio in quest’ultima occasione, mi sembra che Ruta abbia avuto una sonora sconfitta nella richiesta di primarie, ecco perché l’Ulivo 2.0 non può che essere considerato come qualcosa di individuale”. La segretaria Fanelli, però, non chiude la porta. “Cercherò un dialogo con quanti hanno ritenuto dare vita a questo cartello e, mi auguro, che possa prevalere il buonsenso. Ma senza veti su persone o su partiti. Continuo a essere molto rispettosa con chi,  come ad esempio Rialzati Molise o l’ex Molise di tutti, ha amministrato e governato con noi. La coalizione crede molto nell’amministrazione sostenuta quattro anni fa dagli stessi Ruta e Leva, così come crede nell’attività politica. Mi auguro che si possa arrivare uniti anche attraverso l’uso delle Primarie. Se Ruta lo vorrà, – chiude Fanelli – allora dovrà avanzare la propria candidatura”.

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Berlusconi: “Il centrodestra può governare il Molise”

“Abile oratore, ma assolutamente non adatto a governare il Molise. Sono rimasto in campo ancora …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*